Lunedì 20 luglio 2009

Un nuovo Codice per le autonomie locali

a cura di: eDotto S.r.l.
Lo scorso mercoledi' e' stato approvato, in via preliminare dal Consiglio dei ministri, il Codice delle autonomie. L’abrogazione dei codici regionali (Coreco) non ha portato all’immediato decollo di altri controlli interni lasciando aperta una spaccatura proprio per quanto riguarda l’azione di verifica preventiva di legittimita' sugli atti. Da cio', l’esigenza di modificare e ampliare le forme di autoverifica, di prevedere maggiori interventi da parte della Corte dei Conti e di assegnare alcuni compiti anche ai segretari. La nuova bozza del Codice porta cosi' a sei le tipologie di controllo interno, mentre prima erano solo quattro. Si tratta di un nuovo controllo di regolarita' amministrativa e contabile, di gestione, di efficienza, efficacia ed economicita' delle societa' partecipate, di attuazione dei programmi politico-amministrativi e degli equilibri finanziari. L’obiettivo e' quello di snellire, tagliando numerosi enti intermediari, ma allo stesso tempo di aumentare l’efficienza della macchina burocratica, perche' la definizione delle funzioni fondamentali di comuni, province e citta' metropolitane, consentira' di fare chiarezza su "chi fa cosa" evitando sprechi e duplicazioni di soggetti e funzioni. Cosi', se da una parte i difensori civici e le comunita' montane, le circoscrizioni comunali e i consorzi tra enti (compresi i bacini imbriferi montani) saranno eliminati e le loro funzioni passeranno o alle province o agli altri livelli di governo di volta in volta individuati dalla regioni, dall’altra parte, le province sopravviveranno, ma dovranno essere razionalizzate. Dunque, entro due anni il Governo dovra' provvedere al riordino completo degli enti, in modo tale che – secondo quanto di legge nel Ddll – “il territorio di ciascuna provincia abbia un'estensione e comprenda una popolazione tale da consentire l'ottimale esercizio delle funzioni previste per il livello di governo di area vasta”. Ma cio' che emerge dalle nuove proposte del Codice delle autonomie, per quanto riguarda l’aspetto contabile, da parte degli enti locali, e' la possibilita' di recuperare il mancato rispetto del patto nell’anno successivo e lo scioglimento per le amministrazioni inadempienti. Roberta Moscioni
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 12 - Enti locali controllati sei volte - Bianco
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS