Mercoledì 9 aprile 2003

UN LIMITE AGLI ACCERTAMENTI BANCARI

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
La corrispondenza intercorsa tra l'imprenditore e l'istituto di credito al fine di ottenere prestiti non può giustificare, da sola, l'accertamento del fisco; è questa la conclusione raggiunta dalla sezione tributaria della Corte di cassazione con sentenza n. 4329 depositata il 25 marzo. La motivazione principale è data dal fatto che solo le buste e le lettere commerciali, relative agli affari trattati dall'impresa, rientrano tra le altre scritture contabili che possono costituire prove civili tali da generare una presunzione semplice contro il contribuente; tra queste, sicuramente, non rientrano le lettere, inviate alle banche. La Cassazione ha quindi sottolineato l'esigenza che il presupposto delle presunzioni risulti con carattere di certezza e non sia a sua volta il prodotto di una presunzione, ovvero non è possibile trarre presunzione da altra presunzione.
Fonte: Italia Oggi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS