Martedì 30 settembre 2008

UN GIRO DI VITE SULL’F24 TRUCCATO

a cura di: eDotto S.r.l.
Il contribuente responsabile dell’alterazione dell’F24, che è non un certificato ma un attestato, rischia che gli siano comminati da uno fino a quattro anni di reclusione per falsità materiale. Posto che il modello di dichiarazione avesse rivestito valore di un certificato, la pena da infliggere al falsificatore non avrebbe superato i tre anni, a partire dai sei mesi. La distinzione tra atti da cui proviene l’aumento di espiazione per l’attestato è individuata dall’ultimo grado di giudizio nella sentenza numero 36687, con data 24 settembre passato. Il Collegio di legittimità motiva che l’F24 “non costituisce né atto pubblico né certificazione amministrativa ma attestato sul contenuto di atti, in quanto attestazione derivata dall’atto di versamento della contravvenzione, di cui riporta gli estremi essenziali”. Ed aggiunge: “L’unico reale elemento distintivo dell’attestato rispetto al certificato è nel riferimento, sommario o sintetico, del primo al contenuto di altri atti e quindi ai fatti giuridici relativi, con funzione innegabilmente probatoria, assolta ugualmente dal certificato ma in relazione a fatti o situazioni risultanti aliunde dal pubblico ufficiale, anche attraverso una sua eventuale attività di indagine”.
Fonte: ItaliaOggi, p. 37 – Un giro di vite sull’F24 truccato - Alberici
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali