Giovedì 1 settembre 2011

Transfer pricing. Accertamenti legittimi solo se c’e' indebito vantaggio fiscale

a cura di: eDotto S.r.l.
Il transfer pricing è l’oggetto di due sentenze della Ctr Lombardia in cui si prendono in rassegna le cause che negli ultimi tempi hanno visto proliferare gli accertamenti del Fisco in relazione alla determinazione dei prezzi dei beni scambiati tra società appartenenti allo stesso gruppo.

Per l’Amministrazione finanziaria, infatti, proprio grazie a questa capacità di incidere sui prezzi dei beni scambiati infragruppo si può trasferire base imponibile da un Paese all’altro, beneficiando di regole fiscali più vantaggiose. Si ricorda che i prezzi di trasferimento sono disciplinati dall’articolo 110, comma 7 del Tuir. Per il Fisco, le regole che valgono per determinare il prezzo di trasferimento di beni tra imprese tra loro indipendenti dovrebbero essere le stesse che vengono usate anche nel caso di rapporti infragruppo.

Ma, proprio su questo punto si è acceso un dibattito in dottrina tra chi ritiene che la norma sia antielusiva e chi, invece, ritiene che sia una norma di sistema necessaria per ripartire la potestà impositiva su base territoriale tra Stati e consentire così l’esatta individuazione del fair value delle transazioni.

Il dibattito ovviamente richiede specificazioni sull’onere della prova e sull’eventuale sanzionabilità delle condotte dei gruppi accusati di volersi avvantaggiare di un indebito vantaggio fiscale, ponendo in essere transazioni a valori non di mercato.

Non è sempre facile, però, effettuare contestazioni circa la valutazione estimativa dei prezzi di trasferimento e, per di più, si deve considerare anche il fatto che lo stesso legislatore ha escluso la sanzionabilità delle imprese se queste sono dotate di una adeguata documentazione giustificativa.

Le due sentenze dei giudici milanesi, la n. 63/11/2011 del 10 giugno e la n. 67/7/2011 del 7 giugno scorso, si incentrano proprio su questi delicati argomenti.

Con la prima pronuncia, si stabilisce che gli accertamenti in materia di transfer pricing sono legittimati se sono palesi gli indebiti vantaggi fiscali cui il gruppo potrebbe ambire nel mettere in atto l’operazione di trasferimento. Nel caso in cui la politica dei prezzi di trasferimento porti a scontare nell’altro Stato una pressione fiscale analoga a quella italiana, non può ritenersi sottointeso l’intento di ottenere benefici fiscali e l’accertamento si deve considerare infondato.

Con la sentenza n. 69, che riguarda alcuni aspetti procedurali, si cerca di fissare delle regole circa la metodologia con cui operare per la ricostruzione del congruo valore delle transazioni intercompany. I giudici hanno sottolineato che l’utilizzo di comparazioni tra transazioni ritenute similari è consentito solo con riferimento a condizioni di mercato e prodotti merceologici similari.
Fonte: http://rassegnastampa.mef.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web