Venerdì 19 luglio 2013

Tasse sull'auto in crescita nel 2012 (+3,8%) nonostante il crollo del mercato

a cura di: Auto e Fisco

L'ANFIA – Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica – ha pubblicato una accurata analisi del carico fiscale che grava sulla filiera automotive in Italia.

Il prelievo fiscale sulla filiera auto nel 2012 si attesta a 72,73 miliardi di Euro, con una crescita del 3,8% rispetto al 2011. A causa di una crescita più contenuta del totale delle entrate tributarie nazionali negli stessi anni, la percentuale rappresentata dal prelievo sul settore è salita, passando dal 16,3% nel 2010, al 16,8% nel 2011, fino a raggiungere il 17% nel 2012.

Nella ripartizione del prelievo calcolata sui diversi momenti impositivi del “ciclo di vita contributivo” degli autoveicoli, il primo posto spetta alla quota di tassazione derivante dall’utilizzo dell’autoveicolo nel corso dell’anno, pari all’81,8% del gettito complessivo proveniente dal comparto e in crescita del 6% rispetto al 2011. Una dinamica che deriva in buona parte dagli aumenti delle accise e dell'IVA e che si è realizzata nonostante, nel complesso, la percorrenza chilometrica media delle auto nel 2012 sia calata di oltre 1.000 Km.

Al secondo posto troviamo la quota di contribuzione al momento dell’acquisto dell’autoveicolo: IVA e IPT (Imposta Provinciale di Trascrizione) sono pari al 9,4% per un totale di 6,87 miliardi di Euro. Questa voce ha subito un calo del 13,7% rispetto al 2011 a causa della forte contrazione delle immatricolazioni di autovetture nuove nel 2012 (-19,8%) e alla significativa flessione del mercato delle auto usate (-10,6%).

Infine, il possesso dell’autoveicolo rappresenta una quota dell’8,7%: 6,35 miliardi di Euro derivanti dal “bollo auto”, che risulta in crescita del 7,2% rispetto al 2011, nonostante il parco auto italiano a fine 2012 sia diminuito di 35.000 unità rispetto al 2011. "Merito" (si fa per dire) dell’introduzione del superbollo che ha alimentato una serie di fenomeni controproducenti:

- una contrazione del 35% delle nuove immatricolazioni di auto soggette al superbollo nel 2012;

- un significativo incremento delle auto soggette alla sovrattassa immatricolate da società di leasing estere e poi consegnate a clienti italiani (con mancato versamento dell’IVA e del superbollo);

- un aumento delle radiazioni per esportazione, sia di auto di nuova immatricolazione, poi radiate e reimmatricolate con targa estera (con mancato versamento del superbollo) sia di auto usate.

Dal confronto con gli altri 4 principali mercati europei (Francia, Germania, Regno Unito e Spagna), in base ai più recenti dati disponibili, riferiti al 2011, l’incidenza del gettito fiscale della filiera automotive italiana sul PIL rimane la più elevata: 4,4% contro una media del 3,3%.

Fonte: ANFIA – Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web