Martedì 11 marzo 2008

SULL’IRAP IL RISCHIO DI EFFETTI “CONFISCATORI”

a cura di: eDotto S.r.l.
Si svolgerà domani, presso la Corte costituzionale, il dibattimento sugli ulteriori profili di illegittimità della disciplina dell’Irap e delle imposte reddituali. Grava sull’Irap italiana il rischio di effetti “confiscatori” dell’intero reddito. Nel vigente sistema, il cumulo di Irap e imposte sui redditi provoca frequentemente l’effetto di prelievo di somme superiori al reddito assoggettato a imposizione, sia per la natura anche di imposta patrimoniale dell’Irap che, soprattutto, a causa della indeducibilità dell’Irap dall’imponibile soggetto alla tassazione reddituale. A dimostrare che l’intreccio Irap-imposte sui redditi può comportare una tassazione complessiva di tale entità da superare l’ammontare del reddito della “organizzazione produttiva” riferibile al soggetto passivo d’imposta, è la fattispecie rappresentata dall’ordinanza numero 362/2006 della Ctp di Chieti (e sottoposta alla Corte Costituzionale), da cui si ricava che a fronte di un reddito di 23.195 euro, l’imposta dovuta è di 60.485 euro. L’effetto confiscatorio dipende, naturalmente, da più fattori. Ma può verificarsi con frequenza, senza che siano stati previsti strumenti o espedienti per evitarlo o porvi rimedio.
Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 31 – Sull’Irap il rischio di effetti “confiscatori” - Falsitta

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS