Venerdì 12 giugno 2009

Studi, famiglia sotto la lente

a cura di: eDotto S.r.l.
Con una nota della direzione centrale Accertamento, a firma dell'agenzia delle Entrate e diffusa nei giorni scorsi agli uffici, questi vengono invitati a selezionare meglio i soggetti non congrui agli studi su cui concentrare i controlli, ponendo particolare attenzione verso la gestione dell’invito al contraddittorio e la motivazione della pretesa erariale. Proprio sulle situazioni di non congruita' dovra' concentrarsi “una specifica e rilevante quota delle attivita' di controllo da programmare”, al fine di arrivare a selezionare le situazioni che sono a maggior rischio. Per tali ragioni, gli uffici dovranno controllare la platea dei contribuenti presenti sul proprio territorio, analizzandoli attraverso appositi indicatori di rischio per individuare i settori piu' pericolosi per l’Amministrazione finanziaria e, all’interno di questi, individuare quelli che presentano livelli medi di differenza tra ricavi dichiarati e puntuali. Non verranno considerati gli scostamenti minimi ne' troppo elevati, che non andranno sottoposti a controllo sulla base delle risultanze di Gerico ma di altre modalita' di controllo previste dalla circolare n. 13/E/2009. L’attivita' di controllo si concentrera', dunque, sugli scostamenti medi e su questi andra' effettuata un’ulteriore analisi di rischio, analizzando il trend triennale delle dichiarazioni del contribuente. Gli uffici sono, a questo punto, invitati a considerare tutti i dati presenti in anagrafe tributaria per accertare la pericolosita' del contribuente sottoposto a valutazione. La nota indica in che modo operare l’intreccio tra gli studi di settore e le osservazioni sulle capacita' di spesa del contribuente (redditometro). A tal proposito, si specifica che, in caso di incongruenza ai fini degli studi di settore, una verifica possibile per rafforzare le presunzioni di Gerico puo' arrivare dal tenore di vita dell’intera famiglia. Il controllo non e' di tipo automatico, ma la situazione di incongruenza, qualora si ravvisasse, dovrebbe essere sottoposta a una specifica attivita' di analisi. Intanto, in vista della prossima stagione delle dichiarazioni di Unico 2009, l’agenzia delle Entrate ha iniziato ad inviare ad una vasta platea di contribuenti le comunicazioni sulle anomalie riscontrate nella compilazione degli studi di settore per i periodi d’imposta 2005, 2006 e 2007. Il dubbio e' che gli errori siano stati causati da una non corretta compilazione dei quadri relativi agli elementi contabili o a quelli specifici dello studio. Lo scopo dell’Agenzia e' evitare il ripetersi di comportamenti scorretti, che potrebbero spingere a far risultare congruo uno studio che, invece, non lo e'. Le comunicazioni con comportano il pagamento di sanzioni, ne' l’obbligo di fornire spiegazioni sull’anomalia.
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 25 – Studi, famiglia sotto la lente – Criscione
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report