Martedì 9 giugno 2009

Studi, 620mila “adeguati"

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Quotidiano riporta una serie di dati che indicano il numero complessivo di contribuenti che sono sottoposti all’applicazione degli studi di settore (3,7 milioni in tutto) e i numeri di coloro che risultando non congrui hanno scelto l’adeguamento in relazione alla dichiarazione dei redditi relativa al 2007 (620mila) e di quanti, invece, hanno preferito non allinearsi ai risultati degli studi di settore, scegliendo di affrontare l’eventuale percorso di verifica dell’Amministrazione finanziaria (980mila). I dati relativi allo scorso anno dimostrano un andamento, seppur in leggero ribasso, ancora ben al di sopra di quello del 2005. Il sistema sembra aver raggiunto un certo equilibrio: gli adeguamenti annuali fanno emergere ricavi fino alla successiva evoluzione dello strumento; ricavi che poi vengono acquisiti negli anni successivi, quando saranno altri contribuenti ad adeguarsi. Per quanto riguarda le prime stime sul regime dei minimi, introdotto dalla Finanziaria 2008, sembra che per il 2008 il regime a forfait sia stato scelto da 400mila contribuenti; numero che pero' deve essere confermato in sede di dichiarazione dei redditi. Nel valutare i pro e i contro dell’adeguamento alle richieste di Gerico non si puo' prescindere dalla nuova evoluzione degli studi di settore. In attesa della circolare annuale delle Entrate sul tema, si fa riferimento al documento n. 13/E/2009 con il quale l’Agenzia ha dettato gli indirizzi operativi per quest’anno in materia di prevenzione e contrasto all’evasione. Nel testo si legge come nel tentativo di controllare le imprese di minori dimensioni e i lavoratori autonomi gli studi di settore rappresentino uno strumento fondamentale di “orientamento”, in primo luogo considerando le situazioni di non congruita' che sono, da sole, un fattore di rischio. In casi di non congruita', i primi ad essere accertati saranno coloro che non hanno effettuato alcun adeguamento in sede di dichiarazione e che presentano livelli medi di scostamento all’interno delle categorie di appartenenza. Tuttavia, l’attivita' di controllo non si limitera' a valutare lo scarto tra Gerico e il dichiarato, ma si basera' anche su una certa attivita' di intelligence tale da permettere un “rinforzo” della presunzione di “non congruita'”. Da qui, la necessita' di rapportare la presunzione da studi con altri elementi-indice di capacita' contributiva oltre che con l’analisi dei flussi di natura finanziaria dei soggetti posti sotto osservazione. Si svolge oggi un Forum online sul tema degli studi di settore, tramite il quale i dirigenti e funzionari dell’agenzia delle Entrate potranno rispondere a una serie di quesiti fra quelli che sono stati inviati dai lettori del Sole 24Ore all’indirizzo di posta elettronica. Saranno cosi' esaminati una serie di problemi relativi a questa parte dichiarativa, che spazieranno dalla valutazione delle disposizioni in materia di accertamento ai chiarimenti sulle modalita' di adeguamento alle risultanze di Gerico.
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 35 – Studi, 620mila “adeguati – Del Bo
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web