CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Giovedì 3 aprile 2014

Start-up: visto facile. In arrivo il Comitato tecnico “Italia Start-Up Visa” per la concessione di visti per progetti provenienti da richiedenti esteri

a cura di: TuttoCamere.it
Dopo la pubblicazione del decreto 30 gennaio 2014, attuativo per gli incentivi fiscali sugli investimenti in start-up innovative (Gazzetta Ufficiale n. 66 del 20 marzo 2014) e del decreto ministeriale 31 gennaio 2014, con il quale è stato costituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione Generale per la politica industriale e la competitività, il «Comitato tecnico per il monitoraggio e la valutazione delle politiche a favore dell’ecosistema delle startup innovative», in data 24 marzo 2014 è stato firmato un nuovo decreto direttoriale che istituisce il “Comitato tecnico Italia Start-Up Visa”, che avrà il compito di compiere una valutazione tecnica sui progetti di Start-Up innovativa proveniente da richiedenti esteri e di verificare la sussistenza dei requisiti minimi previsti in termini di disponibilità finanziarie, accertate o certificate non inferiori a 50.000,00 euro.

Si ricorda che con il D.P.C.M. 25 novembre 2013 concernente la "Programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale nel territorio dello Stato per l'anno 2013”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 297 il 19 dicembre 2013 (cd. “Decreto Flussi 2013/2014”) è stata introdotta introdotto una nuova categoria di richiedente per il visto per motivi di lavoro autonomo, cioè i “cittadini stranieri per la costituzione di imprese «start‐up innovative» ai sensi della legge 17 dicembre 2012 n. 221, in presenza dei requisiti previsti dalla stessa legge e a favore dei quali sia riconducibile un rapporto di lavoro di natura autonoma con l'impresa” (art. 3).

I visti sono una leva strategica per attrarre e trattenere talenti e innovazione e devono essere utilizzati come incentivi all’ingresso per alcune categorie strategiche, in particolare gli “imprenditori innovativi”.
Potranno chiedere un visto d’ingresso per lavoro autonomo per la costituzione di imprese Start-Up innovative i soggetti che si impegnano, entro un anno dalla concessione del visto, a diventare soci di capitali e a ricoprire cariche sociali di un’impresa Start-Up innovativa.

Tutta la procedura (dal nulla osta Comitato tecnico; alla richiesta del visto alla rappresentanza diplomatico-consolare; al nulla-osta provvisorio ai fini dell’ingresso emesso dalla Questura territorialmente competente per il luogo in cui si intende esercitare l’attività) sono state dettagliatamente descritte in una apposita Guida elaborata dai Ministeri coinvolti.

Per un approfondimento dell’argomento delle Start-Up innovative clicca qui.
Per scaricare il testo della convenzione e l’elenco delle Banche e Intermediari finanziari aderenti e interessati ad aderire clicca qui.
Per visitare il sito del Ministero dello Sviluppo Economico nella sezione dedicata alle Start-Up clicca qui.
Per scaricare le FAQ relative alla Sabatini bis clicca qui.
Per scaricare un documento sul “Riepilogo sulle società iscritte nella sezione delle Start-Up innovative” (aggiornato al 24 marzo 2014) clicca qui.

Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report