Giovedì 25 settembre 2003

SOCIETA’ E ASS. SPORTIVE DILETTANTISTICHE: OBBLIGO DI DOCUMENTAZIONE BANCARIA

a cura di: Fiscosport S.r.l.
Un argomento che riveste una importanza notevole, in caso di controlli da parte dell'Amministrazione Finanziaria, è la previsione contenuta nei commi 7 e 8 dell'articolo 25 della legge 133/99 che dispone: "Con decreto del Ministero delle Finanze, da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabilite le modalità di attuazione delle disposizioni di cui al presente articolo ... nonchè le procedure di controllo, richiedendo anche la necessaria documentazione di tipo bancario per le operazioni inerenti all'attività istituzionale svolta dalle società sportive dilettantistiche e per i proventi alle stesse corrisposti a qualsiasi titolo, aventi ad oggetto importi superiori a 516,46 euro in funzione del contenimento del fenomeno dell'evasione fiscale e contributiva" (il limite originario di 51,65 euro - 100.000 di vecchie lire - era stato elevato dall'art. 37 della legge n. 342/2000). Il regolamento di attuazione (D.P.R. 473/1999) dispone che tutti i versamenti fatti in favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche, nonchè i pagamenti eseguiti dalle stesse di importo superiore a 516,46 euro (un milione di vecchie lire) devono essere effettuati tramite conti correnti bancari o postali intestati all'associazione sportiva (assegni non trasferibili, bonifici, giroconti, ecc.) o mediante l'utilizzo di carte di credito o bancomat, includendo in pratica in tale disposizione tutte le entrate (tra cui le quote associative, i contributi, le erogazioni liberali, ecc.) e tutti i pagamenti (in origine la disposizione comprendeva solo quelli istituzionali). Destinatari di tale norma, come precisato dalla Guida del contribuente - n. 8 - febbraio 2000 - Ministero delle Finanze, sono tutte le società e associazioni sportive dilettantistiche, indipendentemente dall'opzione o meno per la legge n. 398/1991, ma anche il CONI, le Federazioni sportive nazionali e gli Enti di promozione sportiva. Conseguenza principale del mancato rispetto di tali disposizioni è la decadenza dal regime forfetario di cui alla legge n. 398/91, oltre all'applicazione di sanzioni pecuniarie (art. 11 decreto legislativo n. 471/1997).
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report