Lunedì 10 giugno 2013

Se volontario, il lavoro eccessivo non e' motivo di danno

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 12725 del 23 maggio 2013, respinge il ricorso presentato da un dirigente che, tra le varie rivendicazioni, chiede il risarcimento del danno biologico causato da una eccessiva attività lavorativa.

I giudici evidenziano come, riscontrata la volontarietà di un'eccessiva esposizione ad attività lavorativa per un periodo di tempo più o meno lungo, non trova applicazione l'art. 2087 del Codice civile, avendo facoltà il lavoratore di astenersi da prestazioni specifiche che possano arrecare danno alla sua salute, secondo un diritto fondamentale tutelato dall'art. 32 della Costituzione.

Inoltre, il giudizio è avvalorato con il riferimento all'incarico ricoperto dal ricorrente che, in qualità di dirigente, aveva piena autonomia di organizzazione del lavoro, avendo la facoltà di evitare un eccessivo carico di lavoro, considerato dallo stesso causa di danneggiamento della propria integrità psico-fisica.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report