Venerdì 2 aprile 2010

Se il contribuente rifiuta la conciliazione senza giustificato motivo paga le spese maturate dopo la proposta

a cura di: eDotto S.r.l.
L’agenzia delle Entrate, con la copiosa circolare n. 17 del 31 marzo 2010, interviene a precisare le ricadute della legge 18 giugno 2009, n. 69, recante “Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita' nonche' in materia di processo civile”, in vigore dal 4 luglio 2009.

Tra le novita' spicca quella in merito alla condanna alle spese del giudizio della parte vittoriosa: se il contribuente ha rifiutato senza giustificato motivo la proposta di conciliazione giudiziale formulata, anche a seguito di tentativo di conciliazione esperito d'ufficio dal giudice, e' condannato alle spese maturate dopo la formulazione della proposta (la richiesta dell’Ufficio di condanna alle spese sara' subordinata alla circostanza che la Commissione tributaria decida in senso conforme alla proposta di conciliazione, ovvero in termini ancora piu' favorevoli all'ufficio).

Alcune innovazioni:

- ridotto il termine "lungo" di impugnazione a sei mesi, pertanto, in assenza di notifica della sentenza stessa deve essere proposto l'appello, il ricorso per cassazione e la revocazione ordinaria entro sei e non piu' 12 mesi;

- superata la circolare n. 56/2007 con la previsione dell'estensione dell'ambito di applicazione dell'articolo 155 cpc anche ai procedimenti gia' pendenti il 1° marzo 2006, con riferimento ai termini ancora pendenti;

- nella motivazione della sentenza si impone l'esplicita indicazione delle "altre gravi ed eccezionali ragioni" che inducono a compensare le spese giudiziali, in sostituzione dei non piu' sufficienti "giusti motivi";

- anche nei gradi di merito, le parti possono depositare memorie scritte, se il giudice decide di porre a fondamento della decisione una questione rilevata d'ufficio riservandosi la decisione assegnando alle parti un termine non inferiore a 20 giorni e non superiore a 40, per il deposito di osservazioni;

- sono previste altre ipotesi di inammissibilita' del ricorso per cassazione e l'abrogazione del quesito di diritto.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS