Martedì 14 settembre 2010

Scudo fiscale: il monitoraggio attraverso i quadri RW (Unico) e SO (770)

a cura di: eDotto S.r.l.
L’agenzia delle Entrate, con la circolare 45 del 13 settembre 2010, integra le istruzioni alle dichiarazioni Unico (quadro RW) e 770 (quadro SO) per il monitoraggio fiscale. Interessa sia i contribuenti che detengono attivita' estere di natura finanziaria e investimenti oltreconfine, sia gli intermediari che intervengono in operazioni di trasferimenti transfrontalieri di attivita' finanziarie.

L’obbligo di compilare il quadro RW di Unico e' riservato a: persone fisiche, enti non commerciali, societa' semplici e soggetti equiparati, comunque residenti in Italia.

Restano esclusi: enti commerciali e societa' di persone o di capitali (ad eccezione delle societa' semplici); in riferimento all’anno d’imposta 2009 (dunque, a partire da quest’anno) anche dipendenti pubblici, inclusi i lavoratori di organizzazioni internazionali (Onu, Nato, Unione Europea e Ocse) e frontalieri (soggetti residenti in Italia che prestano la propria attivita' lavorativa in via continuativa all’estero in zone di frontiera e in Paesi limitrofi), per i quali l’esonero e' limitato alle attivita' di natura finanziaria e patrimoniale detenute nel Paese in cui svolgono attivita' lavorativa.

Per le attivita' rimpatriate l’esonero puo' ritenersi definitivo in quanto possono essere considerate detenute in Italia anche nel caso di rimpatrio giuridico; per le attivita' regolarizzate l’esonero ha effetto esclusivamente per gli anni indicati, successivamente si applicheranno gli ordinari obblighi di monitoraggio.

Tra i chiarimenti si legge che:

- se sussistono piu' diritti reali sullo stesso bene, ad esempio nuda proprieta' e usufrutto, sono tenuti a compilare l’RW tutti i titolari del diritto, nel caso dell’esempio il titolare del diritto di usufrutto ed il titolare della nuda proprieta';

- i coniugi cointestatari del conto corrente estero dichiarano ognuno il valore della relativa quota di possesso; mentre, se entrambi hanno la piena disponibilita' delle attivita' finanziarie e patrimoniali ogni intestatario compila l’RW con riferimento all’intero valore delle attivita';

- i contribuenti sono sempre tenuti a riempire le specifiche sezioni sul monitoraggio quando le attivita' finanziarie e patrimoniali sono possedute per il tramite di interposta persona, ad esempio se risultano intestate “formalmente” ad un trust;

- nel modello andranno riportati i beni patrimoniali e le attivita' estere di natura finanziaria con capacita' di produrre redditi imponibili in Italia ed anche gli investimenti che non hanno prodotto reddito (a partire dal periodo di imposta 2009, tutti i beni detenuti all'estero dai contribuenti residenti devono formare oggetto di indicazione nel quadro RW, sezione II, al superamento della soglia di 10 mila euro e indipendentemente dal fatto che siano o meno produttivi di reddito imponibile in Italia - circolare n. 43/E/09).

Per cio' che riguarda i contribuenti che hanno aderito allo scudo fiscale nel 2009 la circolare precisa che costoro non devono compilare l’RW relativamente ai redditi per l’anno 2009 e, nei casi di attivita' rimpatriate e/o regolarizzate la cui dichiarazione riservata e' stata presentata tra il 1° gennaio e il 30 aprile 2010, anche quello relativo ai redditi per l’anno 2010.

Se si presenta il modello 730 o se si e' esonerati dalla dichiarazione l’RW deve essere comunque compilato in via autonoma assieme al frontespizio di Unico e presentato nei termini di legge.

Per quanto riguarda il modello 770 nel documento, in riferimento al quadro SO (comunicazione da parte di intermediari e altri soggetti che intervengono in operazioni effettuate nel 2009 che possono generare redditi diversi di natura finanziaria) sono istituiti i nuovi codici per la segnalazione da parte degli intermediari delle operazioni che possono generare redditi da immobili o altre attivita' patrimoniali oggetto di rimpatrio per effetto delle disposizioni sullo scudo fiscale, nonche' per i casi in cui le attivita' finanziarie e patrimoniali rimpatriate fuoriescono dal circuito degli intermediari residenti.

Si ricorda che, per gli obblighi di monitoraggio dei flussi transfrontalieri di attivita' finanziarie, effettuano una comunicazione nominativa entro il 31 marzo di ogni anno gli intermediari, ossia banche, SIM, Poste Italiane S.p.A., societa' fiduciarie, agenti di cambio, stabili organizzazioni in Italia di banche ed imprese di investimento non residenti, notai, e altri intermediari residenti che, per ragioni professionali, intervengono nelle operazioni, societa' ed enti emittenti, limitatamente ai titoli e agli strumenti finanziari da esse emessi, societa' di gestione del risparmio, dottori commercialisti, ragionieri e periti commercialisti.

Con la circolare e' fornita una tabella con i codici per gli investimenti all’estero e le attivita' estere di natura finanziaria.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali