Lunedì 21 dicembre 2009

Scudo fiscale, come far emergere l’immobile intestato a societa' straniere

a cura di: eDotto S.r.l.
In attesa che prenda il via ufficiale lo scudo quater - quello cioe' che permettera' ai contribuenti di completare le operazioni di regolarizzazione con le sanzioni elevate al 6 e al 7% - gli operatori si trovano di fatto ancora alle prese con i lavori di regolarizzazione, anche se il termine ufficiale di chiusura dello scudo-ter era fissato al 15 dicembre 2009. Il problema che molti operatori professionali si trovano ora ad affrontare e' quello di dover liquidare le societa' estere detentrici di immobili ubicati in Italia, dopo che le quote sono state scudate. Cioe', resta aperta la questione di come realizzare la coincidenza tra l’intestazione formale dell’immobile e la sua appartenenza, invece, alla persona fisica italiana. Ovviamente, il punto di partenza e' vedere se la cosiddetta “scatola” straniera a cui originariamente era stato intestato il bene per motivi di riservatezza sia una entita' legale effettivamente esistente oppure si tratti di una struttura per sua natura dichiaratamente fittizia. Nel primo caso, per far emergere l’attivita' detenuta all’estero sarebbe necessaria una normale procedura di vendita dell’immobile dalla societa' ai soci oppure una procedura di assegnazione di beni ai soci in sede di liquidazione della societa', con la conseguenza pero' che le regole immobiliari da seguire sono quelle del paese del socio – in questo caso l’Italia – per cui l’operazione di trasferimento deve essere comunque tassata nel nostro Paese, con Iva e tassa di registro, a prescindere dal regime di tassazione che vige nel Paese in cui ha sede la societa' che cede l’immobile. Ovviamente il tutto non puo' avvenire senza ripercussioni: semplicemente dichiarando che il bene era stato fittiziamente intestato alla societa' straniera. A tal fine, per evitare di incorrere in tali problemi si potrebbero ipotizzare soluzioni diverse da quelle della compravendita e dell’assegnazione ai soci. Da qui, l’ipotesi di stipula di un atto con cui la societa' straniera e il titolare del bene italiano dichiarano che la titolarita' dell’immobile intestato al soggetto estero appartiene alla persona fisica italiana. Anche in questo caso, pero', i problemi connessi con la tassazione del bene non mancano: infatti, seppur si potesse eludere l’applicazione dell’Iva e del Registro di certo si dovrebbe affrontare il caso dell’applicazione dell’imposta di donazione, ai sensi dell’articolo 2, comma 47, Dl 262/06, che ha reintrodotto l’imposta di donazione nel nostro ordinamento. Pertanto, in virtu' dell’applicabilita' anche "ai trasferimenti di beni e diritti a titolo gratuito", si potrebbe applicare l’aliquota dell’8% sull’imponibile dato dal valore catastale dell’immobile.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 34 – Emerge anche l’immobile italiano – Busani
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS