Mercoledì 8 ottobre 2008

SCRITTURE DISTRUTTE, IL REDDITO NON SALVA

a cura di: eDotto S.r.l.
Il reato di occultamento e distruzione delle scritture contabili obbligatorie da parte di una società è contestabile anche se il contribuente si trova nella condizione di impossibilità assoluta di ricostruire il reddito imponibile. Il reddito può essere determinato anche facendo ricorso ad elementi e riscontri extra-contabili acquisiti presso terzi. A stabilirlo la sentenza n. 37592 del 2008 della sezione penale della Corte di Cassazione. I giudici di legittimità hanno precisato che per la configurabilità del reato previsto dal Dlgs 74/2000 è sufficiente che il reddito venga determinato anche in altro modo (per esempio attraverso una verifica dei rapporti con i clienti e fornitori) in caso di assoluta impossibilità ad evincerlo dalle scritture contabili. Pertanto, è punibile con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, per evadere le imposte sui redditi o l’Iva, occulta o distrugge in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti obbligatori, in modo da rendere impossibile la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari.
Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 36 – Scritture distrutte, il reddito non salva - Trovato
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report