Mercoledì 30 novembre 2005

RIFORMA FALLIMENTARE, ULTIMI RITOCCHI

a cura di: Studio Meli S.r.l.
Non potrà essere nominato curatore chi è stato dichiarato fallito, neppure dopo dieci anni dalla dichiarazione di fallimento. Il riferimento al leasing traslativo esce dalla norma dedicata alla disciplina della locazione finanziaria. Come pure è cancellato il riferimento all'apposizione dei sigilli da parte del notaio sui beni dell'imprenditore, una volta dichiarato il fallimento, anche se si trattava di una prassi quantomeno improbabile. Semaforo rosso, ma solo perché è già previsto dal 1971, sulla richiesta dell'esame pubblico della causa fallimentare. Ancora da prendere la decisione sulla maggioranza (semplice o qualificata) con la quale il comitato dei creditori può sostituire il curatore. Sono queste le principali conclusioni raggiunte nella riunione che ieri ha impegnato le delegazioni del ministero della Giustizia, guidata dal Roberto Castelli, e dell'Economia, con il sottosegretario Michele Vietti a fare da regista, sulla messa a punto definitiva della riforma del diritto fallimentare.
Fonte: Il Sole 24 Ore - 30 novembre 2005 - G.Ne.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS