Lunedì 18 gennaio 2010

Riaperti i termini per la rivalutazione dei terreni

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la legge Finanziaria 2010 (Legge n. 191/09, articolo 2, comma 229) si sono riaperti i termini per rideterminare il costo di acquisto dei terreni edificabili e agricoli comprati/venduti nel quinquennio, a beneficio di persone fisiche, societa' semplici ed enti non commerciali, che in caso di vendita realizzano una plusvalenza tassata tra i redditi diversi. Cioe', con la disposizione in questione, le persone fisiche, le societa' semplici e gli enti non commerciali potranno rivalutare terreni agricoli ed edificabili, nonche' le partecipazioni in societa' non quotate, posseduti al 1° Gennaio 2010. L’operazione dovra' essere eseguita entro il 31 ottobre 2010, termine entro il quale risulta necessario asseverare la perizia di valutazione e versare l’imposta sostitutiva. I nuovi termini dell’operazione di rivalutazione, infatti, sono i seguenti: - la rideterminazione puo' essere effettuata per le partecipazioni e i terreni posseduti alla data del 1° gennaio 2010, invece che alla data del 1° gennaio 2008; - la rateizzazione del pagamento fino a un massimo di tre rate annuali di pari importo puo' essere effettuata a decorrere dalla data del 31 ottobre 2010, invece che alla data del 31 ottobre 2008; - la redazione e il giuramento della perizia devono essere effettuati sempre entro la data del 31 ottobre 2010, invece che entro la data del 31 ottobre 2008. Di fonte a questa rinnovata possibilita', i contribuenti, che sono nella condizione di cedere un terreno, si trovano nuovamente davanti alla necessita' di valutare se e' piu' conveniente versare le imposte “ordinarie” oppure l’imposta sostitutiva di rivalutazione, nella misura del 4%. Occorre, cioe', fare un calcolo di convenienza tra l’applicazione dell’imposta sostitutiva del 20% sulla plusvalenza da cessione oppure sull’applicazione dell’imposta sostitutiva del 4%, che dovra' essere pagata sull’intero valore di realizzo, nel caso in cui si decide di rivalutare il terreno. E' ovvio che la decisione puo' produrre effetti differenti, per cui il calcolo di convenienza deve tener conto di diverse circostanze. In primo luogo, si deve osservare se la cessione ha per oggetto un’area lottizzata oppure un’area edificabile. Occorre vedere, cioe', se la scelta di rivalutare un terreno spiega i suoi effetti ai soli fini dei redditi diversi. In tal caso, si dovra' distinguere la circostanza in cui il contribuente rivaluta un terreno per poi immetterlo nella propria impresa individuale oppure se intende conferire il terreno rivalutato in una societa'. Nel primo caso, non vi sarebbe efficacia nell’effettuare la rivalutazione; cosa, invece, che accadrebbe nel secondo caso.
Fonte: http://www.parlamento.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web