Giovedì 3 dicembre 2009

Regali al dipendente 2009. Liberalita' ora tassate ora no e voucher per lanciarsi nel vuoto

a cura di: eDotto S.r.l.
Non concorrono a formare reddito di lavoro dipendente - costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro – le “…erogazioni liberali concesse in occasione di festivita' o ricorrenze alla generalita' o a categorie di dipendenti non superiori nel periodo d'imposta a lire 500.000, nonche' i sussidi occasionali concessi in occasione di rilevanti esigenze personali o familiari del dipendente e quelli corrisposti a dipendenti vittime dell'usura ai sensi della legge 7 marzo 1996, n. 108, o ammessi a fruire delle erogazioni pecuniarie a ristoro dei danni conseguenti a rifiuto opposto a richieste estorsive ai sensi del decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 febbraio 1992, n. 172...”. Dal 28 maggio 2008, questa regola di cui al comma 2, lettera b) dell’articolo 51 del TUIR, che consentiva di non fare soggette a tasse e contributi le erogazioni liberali, anche in danaro, destinate ai lavoratori (tutti) in occasione di festivita' o ricorrenze nel limite annuo di 258,23 euro (appunto 500.000 lire), e' stata soppressa con l’articolo 2, comma 6, del decreto-legge n. 93/2008. A seguito di cio', le Entrate (circolare 59/2008) hanno riconosciuto ancora la detassazione del pacco regalo ma nelle ipotesi di applicabilita' della c.d. “franchigia dei fringe benefit”. In particolare, per effetto della soppressione, le erogazioni liberali concorrono, dice il documento 59/E/2008, alla formazione del reddito di lavoro dipendente per l’intero importo, ferme restando le specifiche eccezioni previste nell’articolo 51 del TUIR. Ora, il comma 3 dell’articolo esclude dalla formazione del reddito il valore normale dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore, nel periodo d'imposta, a 258,23 euro; la medesima norma stabilisce, inoltre, che se detto valore e' superiore al limite indicato lo stesso concorre interamente a formare il reddito. La previsione fornisce i criteri per la determinazione del valore dei beni in natura, stabilendo una soglia di detassazione e che i medesimi criteri debbano essere utilizzati anche se il benefit consiste in una erogazione liberale in natura. Pertanto, con l’abrogazione della disposizione agevolativa relativa alle liberalita', le stesse, ove erogate in natura (sotto forma di beni o servizi o di buoni rappresentativi di essi) possono rientrare nella previsione di esclusione dal reddito se di importo non superiore, nel periodo d’imposta, a 258,23 euro. Peraltro, sempre ai sensi del comma 3 dell’articolo 51, l’esclusione dal reddito opera anche se la liberalita' e' erogata ad un solo dipendente non essendo piu' richiesto che l’erogazione liberale sia concessa in occasione di festivita' o ricorrenze alla generalita' o a categorie di dipendenti. Il 2009 lascia intanto in eredita', a pochi fortunati lavoratori dipendenti di alcune aziende con datori originali, una sorpresa: un link a un voucher per un ingresso in una Spa o per una cena in un ristorante di nouvelle cuisine o, ancora, per una giornata di rafting, o, infine, per lanciarsi dal paracadute. Pittoresco.
Fonte: www.agenziaentrate.it/circolare n. 59 del 22 ottobre 2008
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS