Giovedì 25 febbraio 2010

Pronta la bozza dei modelli degli studi di settore da allegare a “UNICO 2010”

a cura di: eDotto S.r.l.
L’agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul suo sito Internet le bozze dei modelli degli studi di settore, che tengono conto degli effetti della crisi economica e che dovranno essere allegate alla prossima dichiarazione dei redditi. Si tratta degli studi di settore evoluti nel 2007 per i quali sono stati aggiornati i dati per l’applicazione dei correttivi. Contemporaneamente sono stati salutati definitivamente gli indicatori di normalita' economica, introdotti dalla legge Finanziaria 2007. Nell’edizione di Gerico 2010, infatti, non trovano piu' posto gli indicatori di normalita' non “specifici” e scompare anche il complesso calcolo che si deve fare per l’adeguamento alle risultanze degli studi di settore introdotto dal decreto legge 4 luglio 2007. Infatti, nella dichiarazione dei redditi “Unico 2010”, l'adeguamento alle risultanze degli studi di settore potra' essere effettuato seguendo l’unica modalita' possibile, secondo la quale il livello di ricavo o compenso puntuale deve tener conto anche delle risultanze dell'eventuale incoerenza rispetto agli indicatori di normalita' economica previsti per lo specifico studio di settore. Si tratta di un criterio unico valido per tutti gli studi che vanta numerosi vantaggi soprattutto in termini di semplificazione. La scorsa settimana sono stati validati da una commissione di esperti 69 studi con l’evoluzione degli indicatori di normalita' per l’anno 2009. Questi studi di settore sono stati divisi in macroclassi: 21 per i servizi, 21 per il commercio, 21 per le manifatture e 6 per le professioni. Fra le attivita' professionali, si evidenziano le evoluzioni degli studi di settore degli ingegneri, dei periti industriali e dei revisori contabili. Fra i servizi, si segnalano le evoluzioni degli studi di settore riguardanti l’attivita' di mediazione immobiliare, gli alberghi e affittacamere e numerose altre tipologie di attivita' di agenzia e rappresentanza commerciale. Al momento, le istruzioni riguardanti la compilazione dei suddetti 69 studi di settore si limitano alla sola bozza della “Parte generale”, cioe' quella che contiene le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore. L’ottenimento di istruzioni specifiche relative ad ogni singolo modello si avra' solo con la revisione congiunturale degli studi di settore 2009, che dovrebbe concludersi entro il prossimo 31 marzo. Nelle istruzioni si legge, inoltre, che nel caso in cui si individuano contribuenti con ricavi o compensi inferiori a quelli presunti dallo studio e che non si adeguano alle maggiori entrate previste dallo studio stesso, si dovranno inserire apposite annotazioni nel campo “note aggiuntive – informazioni aggiuntive”, dove si dovranno riportare le cause che hanno portato alla non congruita' delle entrate dichiarate rispetto a quelle derivanti dall’applicazione dello studio di settore, giustificandone cosi' l’incoerenza rispetto agli indicatori economici individuati dagli stessi studi. I contribuenti che vogliono utilizzare i correttivi per giustificare l’incoerenza rispetto agli indicatori economici lo fanno attraverso il quadro X della dichiarazione.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report