Mercoledì 12 ottobre 2016

Procedimenti arbitrali - L'assolvimento dell'imposta di bollo grava sulle parti e non sulla Camera di Commercio che riceve gli atti

a cura di: TuttoCamere.it

L'imposta di bollo dovuta sugli atti e documenti del procedimento arbitrale non potrà essere assolta dalla Camera di Commercio, utilizzando l'autorizzazione al pagamento in modo virtuale della quale risulta già in possesso, ma grava sulle parti (imprese e/o privati) che procedono alla formazione di detti atti e documenti e li presentano in via telematica alla Camera di Commercio.

Lo ha chiarito l'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 89/E del 6 ottobre 2016 in risposta all'istanza di una Camera di Commercio, che riteneva di essere legittimata ad utilizzare la propria autorizzazione al pagamento dell'imposta di bollo in modo virtuale, già posseduta in rifermento ad altre tipologie di atti lavorati, anche per quelli, ricevuti con modalità telematiche, dei procedimenti arbitrali.

Il parere dell'Agenzia delle Entrate si fonda su quanto disposto dall'articolo 20, comma 1, Tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972, ossia che, per tali documenti, l'imposta è dovuta fin dall'origine, nella misura attuale di 16,00 euro per ogni foglio. Ne consegue necessariamente che devono provvedervi coloro che formano i documenti (imprese e/o privati), per poi consegnarli o spedirli, non il soggetto che li riceve.

L'attività della Camera di Commercio, infatti, è di mera ricezione documentale e di svolgimento di un servizio simile a quello di una segreteria: ricezione della domanda di arbitrato; invio della stessa alla controparte invitata; cura dei successivi scambi di memorie; assistenza per la gestione delle udienze; invio alle parti del lodo finale emesso dall'organo arbitrale.

Per quanto attiene all'assolvimento dell'imposta di bollo, due sono le modalità ammesse, secondo quanto stabilito dall'articolo 3 del D.P.R. n. 642 del 1972, come modificato dall'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296:

a) mediante pagamento dell'imposta ad intermediario convenzionato con l'Agenzia delle Entrate, il quale rilascia, con modalità telematiche, apposito contrassegno (in questo caso, l'assolvimento dovrà essere comprovato indicando nel documento inviato il codice numerico composto da 14 cifre rilevabili dal contrassegno telematico rilasciato dall'intermediario);
b) in modo virtuale, mediante pagamento dell'imposta all'ufficio dell'Agenzia dell'Entrate o ad altri uffici autorizzati o mediante versamento in conto corrente postale.

Per scaricare il testo della Risoluzione clicca qui.


Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS