Speciale bilancio - strumenti che semplificano e organizzano il lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Mercoledì 25 novembre 2009

Prime istruzioni sul visto di conformita'

a cura di: eDotto S.r.l.
Il decreto legge n. 78/2009 ha introdotto, a partire dal 1° gennaio 2010, una nuova disciplina in merito all’utilizzo in compensazione dei crediti Iva. A partire dalle dichiarazioni Iva riferite al 2009, infatti, sara' necessario apporre il visto di conformita' per consentire ai contribuenti di usare in compensazione orizzontale, cioe' con tributi e contributi diversi, i crediti Iva che superano i 15mila euro. L’obiettivo del legislatore e' di evitare l’emersione e l’utilizzo in compensazione di crediti inesistenti e a questo fine viene richiesto l’intervento di un soggetto terzo, competente ed indipendente, che attesti l’esistenza e la spettanza del credito Iva, diventando cosi' per i professionisti un’ulteriore incombenza burocratica. Allo stato attuale e', pero', ancora del tutto incerto il modus operandi. In attesa di chiarimenti da parte dell’Amministrazione finanziaria riguardo il funzionamento del nuovo meccanismo e in particolare sulla natura dei controlli che si devono effettuare per poter rilasciare il visto, le direzioni regionali hanno fornito alcune indicazioni sulla procedura da seguire per consentire l’inserimento nell’elenco centralizzato di chi e' abilitato ad apporre il visto di tutti coloro che vengono riconosciuti come soggetti qualificati: cioe' in possesso dei necessari requisiti. La prima grande novita' e' che la compensazione puo' essere effettuata a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale o dell'istanza infrannuale da cui emerge il credito. Per questo motivo e' stata introdotta la possibilita' di presentazione della dichiarazione IVA annuale in forma autonoma, cioe' svincolata dal modello Unico, a partire dal primo febbraio prossimo. Di conseguenza, l’utilizzo in compensazione del credito Iva risultante dalla dichiarazione potra' essere effettuato gia' a partire dal 16 marzo o dal giorno 16 del mese successivo all’invio. Il visto di conformita' puo' essere posto da tutti i soggetti ammessi al rilascio dello stesso (professionisti iscritti all’albo dei dottori commercialisti, consulenti del lavoro, responsabili fiscali dei Caf, soggetti iscritti nei ruoli degli esperti delle Camere di Commercio). In particolare, occorre che risulti controllata la regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai fini delle imposte sui redditi e delle imposte sul valore aggiunto, nonche' la verifica della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze delle scritture contabili e di queste ultime alla relativa documentazione. Riguardo ai nuovi adempimenti, si segnala che l’istanza con i documenti allegati va inviata per raccomandata A/R alla direzione regionale competente per il territorio. L’istanza dovra' contenere la richiesta di inserimento nell’elenco dei soggetti legittimati al visto, i dati anagrafici e professionali del richiedente, i luoghi dove si esercita l’attivita' e i dati anagrafici dell’eventuale societa' di servizi di cui il professionista si intende avvalere per l’attivita' di assistenza fiscale. Per poter rilasciare il visto di conformita', i soggetti abilitati devono essere tutelati da un’apposita polizza professionale, con massimale adeguato al numero di contribuenti assistiti e al numero di visti di conformita' rilasciati, e non inferiore comunque ad euro 1.032.913,80. La polizza non deve contenere franchigie o scoperti e deve prevedere il risarcimento del danno denunciato nei cinque anni successivi alla scadenza del contratto. Gli assicurati possono apporre il visto di conformita' su tutte le dichiarazioni fiscali: non e' prevista la copertura per un modello di dichiarazione specifico. Proprio sulla copertura assicurativa si concentrano i maggiori dubbi dei professionisti interessati. In particolare, le domande piu' frequenti riguardano proprio quali siano i danni che i contribuenti possono subire e che richiedono una “congrua” copertura. In un’ottica di collaborazione, l’agenzia delle Entrate, lo scorso 16 novembre, ha diffuso all'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili dell’Emilia Romagna, agli Ordini provinciali dei consulenti del lavoro dell’Emilia Romagna e alle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, una sintesi informativa circa gli adempimenti necessari per conseguire l’abilitazione al rilascio del visto di conformita', a far data del 1° gennaio 2010, con allegato un fac-simile delle autocertificazioni da presentare.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 35 – Per l’Iva la polizza copre i clienti – Gavelli, Sirri
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali