Mercoledì 22 luglio 2009

Per il beneficio prima casa e' sufficiente la coabitazione in regime di comunione

a cura di: eDotto S.r.l.
Secondo l’ordinanza 15426 del 1° luglio 2009, emessa dalla Corte di cassazione, per far scattare il beneficio fiscale dell’aliquota ridotta Ici del 4% sulla prima casa basta la coabitazione dei coniugi in regime di comunione legale nell’immobile acquistato. Non rileva il fatto che solo la moglie del ricorrente abbia, come prescritto dalla legge al fine del godimento dell'agevolazione, trasferito la propria residenza nel Comune dell'immobile acquistato entro 18 mesi dalla data del rogito notarile. Infatti, per la giurisprudenza, l’altro coniuge non e' tenuto al possesso dei requisiti posti dalle disposizioni sulle agevolazioni tributarie sull'acquisto della “prima casa”, tanto piu' in considerazione del fatto che i coniugi non sono tenuti ad una comune residenza anagrafica, ma reciprocamente alla coabitazione. La legge tributaria, che parla di residenza e non di residenza anagrafica, deve far ritenere la coabitazione con il coniuge acquirente come elemento sufficiente a rispettare il requisito della residenza ai fini tributari. Gioia Lupoi 
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 29 – La comunione estende l’agevolazione prima casa - Busani
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web