Mercoledì 19 settembre 2001

PARADISI FISCALI, LA RESIDENZA VA PROVATA DAL CONTRIBUENTE

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
E’ sempre il contribuente residente in paradisi fiscali a dover fornire la prova contraria per il superamento della presunzione di residenza nel territorio dello stato. In questi casi opera infatti la disposizione dell’articolo 2, secondo comma bis, del TUIR (introdotto dal comma 1 dell'art. 10 della legge 448/1998) in base al quale “si considerano altresì residenti, salvo prova contraria, i cittadini residenti cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato, individuati con decreto del ministero delle finanze da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale”. In precedenza, invece, l'onere della prova contraria giaceva interamente in capo al fisco, il quale, doveva procedere ad acquisire tutti gli elementi per poter dimostrare la sussistenza del requisito della residenza in Italia.
Fonte: Italia Oggi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS