Mercoledì 7 luglio 2010

Ok all'accertamento basato sugli studi se il contribuente rimane inerte

a cura di: eDotto S.r.l.
Con ordinanza n. 15905 depositata lo scorso 6 luglio 2010, la Corte di cassazione ha accolto il ricorso presentato dall'Agenzia delle entrate per censurare la decisione della Commissione tributaria regionale della Toscana “nella parte in cui aveva posto a carico dell'Amministrazione oneri probatori che graverebbero sul contribuente”. In particolare, i giudici regionali avevano annullato un accertamento tributario in quanto lo stesso era motivato solo in considerazione degli standard degli studi di settore senza che fossero state valutate le ragioni del contribuente. 
Nel testo della decisione, la Corte di legittimita' ha ribadito il principio gia' affermato dalla sentenza a Sezioni unite n. 26635/2009 secondo cui “la procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici la cui gravita', precisione e concordanza non e' ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standard in se' considerati ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullita' dell'accertamento, con il contribuente”. In tale sede, spetta a quest'ultimo “provare, senza limitazione alcuna di mezzi e di contenuto, la sussistenza delle condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui possono essere applicati gli standard o la specifica realta' dell'attivita' economica nel periodo di tempo in esame”. Qualora, poi, come nel caso di specie, il contribuente rimanga inerte all'invito al contraddittorio, lo stesso si assume le conseguenze del suo comportamento: in questo caso, infatti, l'Ufficio puo' sempre motivare l'accertamento sulla sola base dell'applicazione degli standard, dando conto dell'impossibilita' di costituire il contraddittorio con il contribuente nonostante il rituale invito; il giudice, a sua volta, puo' valutare, nel quadro probatorio, la mancata risposta all'invito.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE – ORDINANZA N. 15905 DEL 6 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali