Lunedì 26 aprile 2010

Nuovi poteri di controllo alle Sedi sulle cessioni di beni immobili

a cura di: eDotto S.r.l.
Nell’ambito delle compravendite immobiliari assume rilevanza la congrua valutazione del prezzo fissato tra le parti e relativo all’immobile oggetto di cessione, ai fini dei controlli che possono essere instaurati dagli uffici dell’Amministrazione finanziaria. In caso di accertamento, infatti, e' fondamentale attestare la fedelta' del corrispettivo delle transazioni immobiliari e constatare che non vi sia scostamento tra questo prezzo e quello mediamente praticato sul mercato. L’agenzia delle Entrate, con la circolare n. 18/E, ha dettato le istruzioni alle sedi sul comportamento da tenere nel caso si accerti una infedelta' del corrispettivo delle transazioni immobiliari, sostenendo un principio ormai diffuso anche dalla giurisprudenza ordinaria, secondo cui il criterio del valore normale non puo' essere piu' preso come principio generale di controllo dei corrispettivi, dal momento che un eventuale comportamento antieconomico posto in essere dal contribuente puo' dar luogo (insieme ad altre circostanze) alle presunzioni gravi, precise e concordanti che sottendono l’accertamento con il metodo analitico induttivo. Con il documento di prassi dello scorso 14 aprile e' stata, dunque, abrogata la presunzione legale con efficacia ex tunc ed e' stata introdotta la regola secondo cui l’eventuale scostamento dei corrispettivi dichiarati per le cessioni di immobili rispetto al valore normale diviene una presunzione semplice. Pertanto, spetta al contribuente – in caso di accertamento – fornire ulteriori elementi presuntivi idonei ad integrare la prova della pretesa da parte del Fisco. Nel caso delle controversie gia' in essere, l’Agenzia istruisce gli uffici imponendo un duplice comportamento: - se l’infedelta' accertata del corrispettivo dichiarato e' sostenuta anche dalla presenza degli altri elementi presuntivi forniti dal contribuente, che tra loro associati risultano idonei a sostenere la pretesa tributaria, si deve procedere sulla strada del contenzioso avviato; - se l’infedelta' del corrispettivo dichiarato non e' sostenuta da altri elementi, gli uffici sono invitati ad abbandonare il contenzioso in corso. Nelle compravendite immobiliari e', poi, rilevante accertare se il prezzo dichiarato del bene oggetto di cessione sia in linea rispetto al suo valore di mercato, ai fini dell’applicazione delle imposte indirette. Anche in questo caso i poteri di controllo da parte degli uffici del Fisco vengono ampliati: - in caso di scostamento tra il valore di mercato e il prezzo dichiarato, l’ufficio puo' disconoscere la pretesa del contribuente di calcolare l’imposta di registro sul prezzo dichiarato (piu' basso), facendola calcolare sul valore di mercato. Eccezione si ha nel caso in cui si applica il cosiddetto prezzo-valore, che prescinde sia dal prezzo pattuito che dal valore corrente, facendo considerare come base imponibile la rendita catastale moltiplicata per il coefficiente 115,5 (agevolazione prima casa) o il coefficiente 126; - nel caso in cui alla cessione viene applicata non l’imposta di registro ma l’Iva, la base imponibile e' sempre rappresentata dal corrispettivo pattuito.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report