Giovedì 16 luglio 2009

Nuova questione Irap alla Consulta

a cura di: eDotto S.r.l.
L’articolo 1 del Dlgs 446/1997 recita, ai commi 1 e 2: “1. E' istituita l'imposta regionale sulle attivita' produttive esercitate nel territorio delle regioni. 2. L'imposta ha carattere reale e non e' deducibile ai fini delle imposte sui redditi”. In tema, l’ultima sentenza della Consulta n. 216 depositata il 14 luglio 2009, ha ribadito che "l'Irap, in quanto istituita e disciplinata dalla legge dello Stato, e' un tributo che ricade nella potesta' legislativa esclusiva dello Stato a norma dell'art. 117, secondo comma, lettera e), Cost. La circostanza che il gettito sia in gran parte destinato alle Regioni e che alcune funzioni di riscossione siano loro affidate non fa venir meno la natura statale dell'imposta e, di conseguenza, non fa di essa uno dei «tributi propri» della Regione, ai quali fa riferimento l'art. 119 Cost. (sentenze n. 193 del 2007, n. 155 del 2006 e nn. 431, 381 e 241 del 2004)”. Dunque, la disciplina, anche di dettaglio, dell'Irap e' riservata alla legge statale: il Dlgs n. 446/1997 consente alle leggi regionali di intervenire su alcuni aspetti sostanziali e procedurali della disciplina, ma non di modificarne la base imponibile. La sentenza muove dal caso di una legge piemontese volta a modificare, nella sostanza, la disciplina dell'Irap, introducendo un'ulteriore ipotesi di deduzione non prevista dal Legislatore. In merito all’indeducibilita', sono state sollevate questioni di legittimita' da parte di molte Commissioni tributarie che hanno chiesto l’intervento della Corte costituzionale sull’indeducibilita' dal reddito d’impresa del 4,25% di interessi passivi e costo del lavoro. Tutto parte da un’ordinanza di Genova risalente al 2004 (l’indeducibilita' dell’Irap non sarebbe conforme al principio della capacita' contributiva) fino ad arrivare all’ultima del 25 giugno 2009, ordinanza n. 74 della XIII sezione, promossa dalla Ctp di Bologna. La nuova questione rimessa alla Consulta e' motivata dal fatto che l’indeducibilita' non puo' comportare che interessi passivi e costo del lavoro siano tassati ai fini Ires, anche solo parzialmente, poiche' sono componenti negativi del reddito. In tal caso sarebbero prima dedotti e poi aggiunti all’imponibile come Irap indeducibile. Gioia Lupoi
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 29 - All’esame della Consulta lo sconto Irap parziale - Verna
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS