Martedì 15 giugno 2010

Nell’interpello la descrizione di un caso concreto

a cura di: eDotto S.r.l.
Con la circolare n. 32 del 14 giugno 2010, l’agenzia delle Entrate fornisce puntualizzazioni e riassume le regole dell’interpello, in considerazione del fatto che lo sviluppo dell’istituto ha prodotto via via effetti non sempre pertinenti alle finalita' per le quali esso e' stato introdotto dal legislatore (collaborazione tra fisco e contribuente). Nel documento di prassi si avverte che non saranno piu' ammesse istanze inviate dopo la presentazione della dichiarazione dei redditi e quelle lacunose o generiche. Nella prima parte si riassumono le principali istruzioni contenute nei vari documenti di prassi vigenti, cosi' da fornire un quadro complessivo delle regole applicabili. Nella seconda vengono segnalate le nuove istruzioni sulla trattazione di tutte le istanze di interpello. Quanto alle nuove e molteplici istruzioni sulla trattazione dell’interpello, in alcune si chiarisce che: - sono fissate in ammende che vanno da 258 a 2.065 euro le sanzioni per chi non presenta l’istanza pur essendone obbligato; - sanzioni maggiori sono attribuibili a chi disapplica una normativa senza le necessarie condizioni di legge; - e' possibile il ricorso, percio' la mancata presentazione per le societa' di comodo non determina piu' l’inammissibilita' del ricorso; - l’istanza di interpello deve essere “preventiva”, ossia presentata prima che il contribuente ponga in essere il comportamento oggetto dell’istanza, pena l’inammissibilita' della stessa. Su quest’ultimo punto si spiega che: per tutti i comportamenti che trovano attuazione nella dichiarazione, il contribuente deve inviare l’istanza entro il termine ordinario di presentazione del modello; stessa cosa per le istanze di disapplicazione della disciplina Cfc e antielusiva, che devono essere presentate in tempo utile, cioe' 120 giorni o 90 a seconda dei casi, prima delle ordinarie scadenze previste per la dichiarazione; per gli interpelli che non rilevano ai fini della presentazione di una dichiarazione ma riguardano, ad esempio, l’imposta di registro, e' preventivo l’interpello presentato entro i termini ordinari per la registrazione dell’atto. In ultimo l’Agenzia precisa che tra gli elementi rilevanti da indicare per descrivere il caso concreto c’e' il dato del valore economico. Pertanto, nell'istanza dovra' essere evidenziato l'eventuale risparmio di imposta conseguibile.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS