Venerdì 10 luglio 2009

Manovra estiva, stretta sulle regole Cfc

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel decreto anticrisi (Dl 78/09), appena approvato, sono state inserite nuove e piu' incisive misure per il contrasto al fenomeno dei paradisi fiscali. La manovra estiva ha ampliato notevolmente la portata dell’articolo 176 del Tuir, estendendo le sue disposizioni anche a quelle societa' localizzate in quei territori che non sono direttamente considerati “paradisi fiscali” e, dunque, anche con stabile organizzazione in un Paese europeo. Senza ulteriori modificazioni, le regole Cfc saranno applicate nel caso in cui il soggetto estero controllato subisca una tassazione effettiva piu' bassa del 50% di quella che avrebbe subito in Italia sui redditi conseguiti in ciascun periodo d’imposta e, inoltre, piu' del 50% dei proventi del soggetto estero derivano da attivita' infragruppo. La norma vuole che in presenza di tali condizioni, al soggetto estero venga applicata la disciplina delle Controllate estere a meno che la societa' controllante con sede in Italia non presenti all’Amministrazione finanziaria un interpello disapplicativo, che attesti con prove che l’insediamento all’estero non ha finalita' elusive. Prima del decreto 78/2009, l’esclusione dalla norma Cfc era ammessa solamente se veniva rispettato il requisito dell’effettivo radicamento dell’attivita' nel territorio in cui la societa' era localizzata. Per rispettare tale requisito, non era sufficiente la dimostrazione del radicamento, ma risultava necessario che l’attivita' fosse rivolta nei confronti di tale territorio. La modifica apportata dalla manovra estiva (comma 5, lettera 5, dell’articolo 167 del Tuir) vuole, invece, che la societa' estera non residente svolga un’effettiva attivita' commerciale o industriale "nel mercato dello Stato o territorio di insediamento”. Il tutto potrebbe avere delle pesanti ripercussioni soprattutto nei confronti delle banche e assicurazioni che hanno attivita' finanziarie all’estero. In effetti, pero', in questo caso si tratta di attivita' finanziarie che non possono essere definite come passive income, per le quali la normativa europea non impedisce l’arbitraggio fiscale. Secondo molte autorevoli opinioni di tributaristi, nel caso di banche e assicurazioni, la gestione, detenzione e investimento in titoli costituisce attivita' caratteristica similmente ad una societa' industriale che all’estero vende prodotti di consumo. Roberta Moscioni
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 27 – Antielusione al nodo finanziario - Rossi
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS