Lunedì 7 settembre 2009

Maggiori obblighi documentali e informativi per le aziende appaltanti

a cura di: eDotto S.r.l.
Il Dlgs n. 106/2009, Correttivo del Testo unico sicurezza, ha apportato delle modifiche all’articolo 26 del Dlgs n. 81/08, titolato “Obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione”. Le nuove norme aumentano il rigore nei confronti dei datori di lavoro che affidano l’esecuzione di lavori e servizi a imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda o nell’ambito del ciclo produttivo della stessa. Per tali datori di lavoro appaltanti sorge l’obbligo del rispetto di adempimenti di carattere documentale, di informazione, di cooperazione, di coordinamento e di valutazione dei rischi da interferenze. In altri termini, i datori di lavoro committenti – anche se subappaltatori – devono cooperare nei confronti delle ditte appaltatrici o dei lavoratori autonomi per prevenire e proteggere dai rischi sul lavoro, riguardo soprattutto al caso di incidenti sull’attivita' lavorativa oggetto di appalto. Essi dovranno, inoltre, coordinare gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi sullo svolgimento dell’attivita' delle diverse imprese coinvolte nell’esecuzione dell’opera complessiva. I nuovi obblighi imposti ai datori di lavoro committenti prevedono che questi elaborino un unico documento di valutazione dei rischi contenente tutte le misure necessarie per eliminare o ridurre al minimo i rischi di interferenze. Il documento, denominato Duvri, deve essere conservato presso l’unita' produttiva a cui si riferisce la valutazione dei rischi. La mancata custodia e' punita con la sanzione amministrativa da 2mila a 6mila euro. L’obbligo della valutazione dei rischi da interferenze non va fatta nei casi di semplici servizi di natura intellettuale; di semplici forniture di materiali o attrezzature; di lavori o servizi di durata fino a due giorni, a meno che questi non comportano rischi particolari per l’utilizzo – per esempio – di sostanze cancerogene, atmosfere esplosive, eccetera. Infine, si deve ricordare che il personale che lavora per l’impresa appaltatrice o subappaltatrice deve avere un tesserino di riconoscimento (completato da fotografia, generalita' del lavoratore e del datore di lavoro). In sua assenza, a carico dell’impresa appaltatrice si applica la sanzione amministrativa da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore. Roberta Moscioni
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 1 – Sicurezza estesa a tutti gli appalti – a cura di Caiazza
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS