Giovedì 24 settembre 2009

Le rivalutazioni di immobili trovano spazio nel quadro RV di Unico 2009

a cura di: eDotto S.r.l.
A pochi giorni dalla scadenza del 30 settembre per l’invio telematico delle dichiarazioni dei redditi, i contribuenti sono alle prese con la compilazione dei vari quadri del modello Unico. Uno in particolare merita un maggior approfondimento. Si tratta del quadro RV, che accoglie le differenze di valori fiscali e civili di beni o elementi patrimoniali che si vengono a formare in caso di operazioni straordinarie. Fusioni, scissioni e conferimenti d’azienda sono, infatti, operazioni neutrali dal punto di vista fiscale: cioe', l’effettuazione di queste operazioni porta alla formazione di plusvalenze o minusvalenze solo dal punto di vista civilistico, come differenza tra il valore dei beni e gli importi iscritti in bilancio. Per tali ragioni, il quadro RV - Riconciliazione dati di bilancio e fiscali – ha proprio il compito di evidenziare le differenze tra i valori civili e quelli fiscali di beni o elementi patrimoniali emerse a seguito di operazioni straordinarie analiticamente previste nella sezione I, tra cui appunto, le operazioni di rivalutazione dei beni con rilevanza fiscale. In altri termini, la sezione I del quadro RV va compilata per indicare i beni relativi all'impresa che risultano iscritti in bilancio a valori superiori a quelli riconosciuti ai fini delle imposte sui redditi, in dipendenza di una delle operazioni sopra citate. Nello specifico, proprio nei righi inseriti nella prima sezione del quadro (da RV1 a RV10) vanno indicati tutti quei beni che presentano un valore fiscale differente da quello civile, con lo scopo di monitorare nel tempo l’evoluzione dei relativi importi. Il quadro RV non dovra' essere piu' compilato a decorrere dall'esercizio successivo a quello in cui il valore fiscalmente riconosciuto corrisponde a quello indicato in bilancio. Tale coincidenza dovra' essere determinata confrontando il valore civilistico e quello fiscale al netto dei rispettivi ammortamenti. Dunque, solo quando entrambi i valori saranno pari a zero vi sara' la coincidenza richiesta e non vi sara' piu' alcuna variazione in diminuzione da esporre nel quadro RF e conseguentemente, non vi sara' piu' alcuna ragione per la compilazione del quadro RV. Anche la rivalutazione degli immobili, cosi' come disposta dall’articolo 15 del decreto n. 185/2008 richiede la compilazione della sezione I del quadro RV. Infatti, anche in questo caso a seguito del maggior valore attribuito all’immobile e iscritto in bilancio – possibilita' riconosciuta al soggetto passivo per dare una rappresentazione del patrimonio immobiliare piu' rispondente ai criteri di mercato – si viene a generare un disallineamento tra valore civile e quello fiscale, che va riportato nel modello di dichiarazione Unico 2009. La riconciliazione dei dati civilistici e di quelli fiscali e' prevista anche nel modello Irap 2009, nel caso sempre di operazioni straordinarie in neutralita' fiscale. I righi interessati sono contenuti nella sezione V, nel quadro IS (righi da IS22 a Is30).
Fonte: Il Sole 24 Ore, p. 35 – Unico fa spazio alle rivalutazioni – Gavelli e Giorgetti
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS