Speciale bilancio - strumenti che semplificano e organizzano il lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Martedì 20 aprile 2010

Le istruzioni delle Entrate danno linfa alle indagini finanziarie

a cura di: eDotto S.r.l.
Da una lettura della circolare n. 20/E/2010, che detta gli indirizzi operativi alle sedi per una corretta attivita' di controllo da svolgere durante l’anno in corso, emerge che molto spazio deve essere riconosciuto alle indagini finanziarie. Queste, insieme alla richiesta di iscrizione di ipoteca e di sequestro conservativo, cosi' come precisato dall’Amministrazione finanziaria nella circolare n. 4/E/2010, vengono considerate, ora, come misure cautelari di cui puo' avvalersi l’ufficio impositore al fine di tutelare il credito erariale e contrastare i piu' rilevanti fenomeni di evasione da riscossione. Con il piu' recente documento di prassi, si ribadisce la necessita' di utilizzare lo strumento delle indagini finanziarie nell’ambito dei controlli che dovranno essere svolti sugli esercenti un’arte o una professione: controlli che nel corso del 2010 dovranno essere intensificati, in termini numerici, rispetto a quelli effettuati nel corso del 2009. Ogni giorno il professionista si trova a dover affrontare l’azione accertatrice dell'Amministrazione finanziaria. L’auspicio, dopo il chiarimento delle Entrate, e' che l’utilizzo delle indagini finanziarie venga associato a quello di altri metodi accertativi e che l’azione di controllo non si basi ancora esclusivamente sulla presunzione introdotta dalla legge Finanziaria 2005. Ci si riferisce alla norma contenuta nell’articolo 32 (commi 1e 2) della Legge 311/2004, secondo cui i prelievi non giustificati costituiscono compensi non dichiarati. Per i professionisti si tratta di una presunzione senza senso dato che molte volte anche le stesse esigenze professionali del professionista richiedono un prelievo che e' cosa ben minore di chi non preleva mai rispetto, invece, a versamenti ingiustificati sui propri conti. Analogamente, lo strumento delle indagini finanziarie potra' essere utilizzato anche a supporto, ai fini dell’accertamento, delle compravendite immobiliari e in caso di monitoraggio fiscale degli investimenti esteri. In questa seconda ipotesi, l’uso dell’indagine finanziaria serve in relazione alla presunzione di redditivita', se i beni esteri si trovano in Stati o territori black list oppure nel caso di irrogazione delle sanzioni legate alla mancata compilazione del quadro RW.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali