Giovedì 2 dicembre 2010

Le indicazioni dell’Agenzia al Convegno Regionale del Codis di Bergamo

a cura di: eDotto S.r.l.
Arrivano numerosi input dalla partecipazione del direttore dell’agenzia delle Entrate, Befera, al Sesto Convegno Regionale del Codis-Dre-Ordine di Bergamo “Aziende e Professionisti tra semplificazione e recupero dell’evasione”. Primo fra tutti quello sull’abuso del diritto che vede il Direttore chiedere un intervento legislativo in nome di una linea più chiara da percorrere nei casi in cui si debba contestare. Viene, tuttavia, escluso “un uso esagerato” di questo strumento da parte dell’Agenzia che presto fornirà dati in tal senso, a dimostrare la moderazione dell’uso in sede di interpello e di accertamento. Con un’espressione colorita, infatti, spiega l’intento del Fisco: “Anche quando si scopre l’evasione lo scopo è di tosare la pecora, non di ucciderla”.

Gli altri temi, sollecitati dalle domande da parte dell’Ordine, hanno incassato risposte molto interessanti.

In merito ai crediti riconosciuti dal giudice tributario al contribuente l’idea è che possano essere compensati e non rimborsati, e che Fisco e contribuente possano pagare il medesimo tasso di interesse.

Un giudizio positivo è dato circa l’ipotesi di abolizione nel 770 della indicazione dei dati della certificazione di lavoro dipendente e assimilati, per evitare duplicazioni di informazioni e adempimenti.

L’abolizione del modello VR per il rimborso IVA, comunica Befera, è già in programma.

Incassa un secco no, invece, la richiesta di semplificazione del modello Intrastat per quanto attiene i servizi, in quanto l’elevato livello di evasione ed elusione internazionale rende necessari all’Agenzia i dati esposti negli elenchi. Infine, si segnala l’annuncio di una circolare riepilogativa in merito al reverse charge in edilizia, che genera sempre più confusione nel settore dato il cambiamento di orientamento avvenuto più volte.

Con il suo intervento, il direttore dell’Accertamento Luigi Magistro ha spiegato che nel caso di scostamenti molto elevati rispetto al redditometro non scatteranno accertamenti sui dati presuntivi ma accertamenti diretti ricorrendo alle indagini finanziarie. E aggiunge che la platea degli accertati con il redditometro sarà costituita da tutte le categorie di contribuenti, compresi ad esempio mafiosi o funzionari corrotti.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web