Attivazione Siti Web per Professionisti - commercialisti, legali, consulenti del lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Venerdì 27 febbraio 2009

LE COMUNICAZIONI IVA AL TRAGUARDO

a cura di: eDotto S.r.l.

E’ in scadenza (2 marzo 2009) il termine per l’invio telematico alle Entrate della comunicazione annuale dati Iva per l’anno 2008. Il connesso modello - semplificato al paragone con quello di dichiarazione Iva, in quanto deve tener conto non anche delle operazioni di rettifica e conguaglio ma semplicemente dell’imposta esigibile e di quella detratta nell’anno - è immutato rispetto al modello di comunicazione annuale dati Iva dell’anno precedente e il suo invio, ad opera del contribuente o di un intermediario abilitato, riguarda i dati dell’Imposta sul valore aggiunto registrati nel 2008 dai titolari di partita Iva tenuti a presentare la dichiarazione annuale Iva, eccetto le persone fisiche con volume d’affari uguale o inferiore a 25.822,84 euro, i soggetti sottoposti a procedure concorsuali e quelli indicati all’articolo 74 del Tuir.

L’omissione della comunicazione o l’invio con dati incompleti o non veritieri comporta una sanzione amministrativa da 258 a 2.065 euro ex art. 8-bis, comma 6 del Dpr 322/98. Non è in questo caso applicabile – a differenza delle lettere d’intento, per le quali si ha tempo un anno dalla omissione o inesatta comunicazione dei dati - il ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del Dlgs 472/97.

Una faccenda che quest’anno impegna il contribuente che è alle prese con la compilazione è la (ri)classificazione delle prestazioni degli agenti di commercio per le vendite intracomunitarie, trasformate da “comunitarie” a “fuori campo Iva”, secondo le indicazioni della risoluzione agenziale 437/E/2008. L’aspetto di sostanza (quello formale a parte, dato dall’indicazione o meno al rigo CD1, riservato appunto alle operazioni intracomunitarie) è che il mutamento normativo che ne consegue reca una variazione di calcolo per il plafond degli esportatori: se trattate sotto il governo dell’articolo 40, comma 8 del Dl 331/93, queste prestazioni concorrono a formare il plafond mentre oggi, e con effetto retroattivo, sono irrilevanti perchè considerate “fuori campo Iva”. In attesa che sia messo ordine su questo tema, i contribuenti dovranno eliminare gli importi delle intermediazioni Ue dal rigo CD1 e computare il plafond senza considerare il relativo ammontare.


Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 31 – Le comunicazioni Iva al traguardo - De Stefani
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS