Mercoledì 8 gennaio 2014

La tassazione dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso: uno studio del Consiglio Nazionale del Notariato

a cura di: TuttoCamere.it
Sull'argomento della nuova tassazione dei trasferimenti immobiliari segnaliamo lo Studio n. 1011-2013/T, approvato dall'Area scientifica - Studi tributari l'11 dicembre 2013 e approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 13 dicembre 2013, dal titolo "La tassazione dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso dal 1° gennaio 2014".
L’art. 10 del D.Lgs. n. 23 del 14 marzo 2011 (decreto sul federalismo fiscale), modificato dall’art. 26, comma 1, del D.L. n. 104 del 12 settembre 2013, convertito dalla L. 8 novembre 2013, n. 128, intervenendo direttamente sull’art. 1 della Tariffa - Parte Prima allegata al D.P.R. n. 131/1986 (testo unico dell’imposta di registro), semplifica, a decorrere dal 1° gennaio 2014, la tassazione dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso.
Si tratta di una riforma che, circoscrivendo a sole tre aliquote l’imposizione proporzionale (2% - 9% - 12%), stravolge in maniera radicale l’impianto normativo precedente, storicamente consolidato, in ragione di una differenziazione delle fattispecie imponibili sia al fine di un’imposizione proporzionale (con aliquote del registro determinate nelle misure dell’ 1%, 3%, 7%, 8%, 15%) che fissa.
L'art. 10 del D.Lgs. n. 23/2011 ha anche introdotto un'altra disposizione di rilevante impatto sui contribuenti: si tratta di quella prevista al comma 4, secondo cui, in relazione agli atti soggetti alla nuova imposta di registro del 2% o del 9%, sono soppresse tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali.
In merito all'entrata in vigore delle nuove disposizioni, in mancanza di un puntuale regime transitorio, secondo lo studio notarile, "troveranno applicazione i principi generali dell’ordinamento circa la successione delle norme nel tempo che, relativamente alla tassazione degli atti, hanno riguardo all’irretroattività della legge e alla tutela dei diritti quesiti in ragione degli atti compiuti. Più precisamente saranno regolati dalla nuova disciplina tutti gli atti “non compiuti” al 31 dicembre 2013 ovverosia, in positivo, gli atti pubblici e le scritture autenticate formati dal 1° gennaio 2014, risultando, per tali atti, irrilevante il giorno della registrazione dell’atto".

Per scaricare il testo dello studio del CNN clicca qui.
Fonte: http://www.tuttocamere.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS