Lunedì 29 marzo 2010

La risoluzione anticipata di un contratto di cessione sconta l’imposta di registro fissa se non c’e' traslazione

a cura di: eDotto S.r.l.
Nel caso di cessione di un’azienda con scrittura privata autenticata e successiva registrazione dell’atto assoggettato ad imposta di registro e' sorto il problema di stabilire se il pagamento dell’imposta dovesse avvenire in misura fissa o proporzionale dato che il contratto di cessione si e' risolto consensualmente prima del termine. Nel caso di specie, non essendosi verificato alcun passaggio aziendale poiche' il cessionario non era diventato ancora proprietario e non poteva cedere un diritto che ancora non gli apparteneva, il contratto risolto si deve considerare come se non fosse mai stato concluso, dando cosi' luogo al ripristino dell’originale equilibrio patrimoniale. Pertanto, il contratto di risoluzione consensuale di un contratto di cessione deve essere assoggettato ad imposta fissa di registro e non ad imposta proporzionale. Quest’ultima, infatti, e' applicabile solo nel caso in cui gli effetti della risoluzione hanno natura traslativa, mentre l’imposta fissa e' da considerare valida nel caso in cui la cessazione non produce efficacia traslativa. A tale conclusione giunge la sentenza n. 20/8/2010 della Commissione tributaria provinciale di Milano.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 4 – Imposta fissa per risolvere la cessione aziendale - Bogetti
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS