Martedì 16 marzo 2010

LA FATTURA COMMERCIALE.

a cura di: Studio Meli e Studio Manuali
L’art. 1 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, istitutivo dell'imposta sul valore aggiunto (I.V.A.) ha stabilito “l'imposta sul valore aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nell'esercizio di imprese e sulle prestazioni di servizi ad imprese effettuate nell'esercizio di arti e professioni.” Presupposti per l’applicazione dell’IVA sono pertanto: 1. la cessione di beni o la prestazione di servizi 2. effettuate nell’esercizio di imprese, arti e professioni. Gli articoli 2 e 3 del citato D.P.R. 633/72 stabiliscono cosa si intende per cessioni di beni e prestazioni di servizi e l’art. 7 chiarisce che le cessioni di beni e le prestazioni di servizi sono soggette all'imposta se ed in quanto effettuate nello Stato. Il Titolo Secondo del D.P.R. esplicita gli obblighi dei contribuenti e l’art. 21 pone come primo obbligo del soggetto I.V.A. l’emissione della fattura. “Per ciascuna operazione imponibile deve essere emessa una fattura, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili.” La fattura è pertanto il documento fiscale obbligatorio, emesso da un soggetto I.V.A., a seguito dell’avvenuta cessione di beni o prestazione di servizi. Il citato art. 21 esplicita come deve essere la fattura e quali indicazioni deve contenere: “La fattura deve essere datata e numerata in ordine progressivo e deve contenere le seguenti indicazioni: 1) ditta, denominazione o ragione sociale, residenza o domicilio dei soggetti fra cui è effettuata l'operazione, nonché ubicazione della stabile organizzazione per i non residenti e, relativamente all'emittente, numero di partita IVA. Se non si tratta di imprese, società o enti devono essere indicati, in luogo della ditta, denominazione o ragione sociale, il nome e il cognome ; 2) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione; 3) corrispettivi e altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compreso il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono di cui all'art. 15, n. 2) ; 4) valore normale degli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono; 5) aliquota e ammontare dell'imposta, con arrotondamento alla lira delle frazioni inferiori. Se l'operazione o le operazioni cui si riferisce la fattura comprendono beni o servizi soggetti all'imposta con aliquote diverse, gli elementi e i dati di cui ai numeri 2) , 3) e 5) devono essere indicati distintamente secondo la aliquota applicabile.” Abbiamo predisposto un programma economico, in MS Excel, per la gestione della fatturazione commerciale
di piccoli imprenditori, con numerazione automatica e archiviazione fatture. Permette l'inserimento fino a 30 articoli per ogni fattura, ha un archivo di 200 articoli da richiamare in fattura e un archivio di 300 clienti. Provatelo !
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS