Martedì 2 ottobre 2012

La compilazione del Pvc interrompe la prescrizione del reato tributario

a cura di: eDotto S.r.l.
Il processo verbale di constatazione (Pvc) è idoneo, di per sé, ad interromperne la prescrizione del reato tributario sotteso e ciò indipendentemente dal fatto che lo stesso sia stato notificato o meno all'interessato. Ed infatti, la prescrizione si interrompe nel momento stesso in cui il Pvc viene compilato entro l'ordinario termine previsto.

E’ quanto precisato dai giudici di Cassazione nel testo della sentenza n. 37933 del 1° ottobre 2012, pronunciata con riferimento ad una vicenda in cui le corti di merito avevano ritenuto erroneamente prescritto il reato di dichiarazione fraudolenta contestato ad un uomo, in considerazione del fatto che erano trascorsi sei anni dalla presentazione della relativa denuncia annuale ed il Pvc era stato notificato solo successivamente allo scadere del termine ordinario. Ciò che doveva ritenersi determinante – a detta della Suprema corte – era che la redazione del verbale si era avuta, comunque, prima di tale periodo.

Altra decisione di legittimità, la n. 37930 depositata anch’essa il 1° ottobre 2012, ha riguardato, invece, l’ipotesi di reato relativa all’emissione di fatture per operazioni inesistenti. Relativamente a detto delitto, la Corte di cassazione ha sancito come i termini prescrizionali inizino a decorre dal momento dell'emissione dell'ultimo documento.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali