Lunedì 14 gennaio 2013

L. n. 221/2012: secondo decreto sulla crescita. Dettate norme per favorire la crescita e la gestione di IMPRESE INNOVATIVE (startup). Esonero per 4 anni da bollo, diritti di segreteria e diritto annuale

a cura di: TuttoCamere.it
La Sezione IX (articoli dal 25 al 32) della L. n. 221/2012, di conversione del D.L. n. 179/2012, è dedicata completamente alle misure per la crescita e lo sviluppo di imprese start-up innovative. In termini generali, la Sezione sulle start-up innovative mira anche a creare, per la prima volta nel panorama legislativo italiano, un quadro di riferimento nazionale coerente per le start-up.
Ai commi 2 e 3 dell'art. 25 vengono indicati la definizione e gli specifici requisitidell’impresa “start-up innovativa”.
Al comma 4, è individuata, nell’ambitodella nozione di impresa start-up innovativa, la specifica categoria della start-up a vocazione sociale caratterizzata per operare in via esclusiva nei settori indicati all’articolo 2 comma 1 del D.Lgs. 24 marzo 2006, n. 155, recante la disciplina dell’impresa sociale.
Nei commi 8 e seguenti viene, inoltre, prevista l’istituzione, da parte delle Camere di Commercio, di una apposita sezione speciale del Registro delle imprese, stabilendo per le start-up innovative e per gli incubatori certificati l’obbligo di iscrizione alla predetta sezione e di successivo aggiornamento delle informazioni con cadenza periodica, al fine di poter beneficiare della disciplina della presente sezione.
La perdita dei requisiti di cui ai commi 2 e 5 o il mancato deposito della dichiarazione prevista al comma 15 determinano la cancellazione d’ufficio dalla sezione speciale del Registro delle imprese. La cancellazione è fatta automaticamente dal conservatore del registro.
Il comma 8 dell’articolo 26 stabilisce, per la start-up innovativa e per l’incubatore certificato, dal momento della loro iscrizione nellasezione speciale del Registro delle imprese, l’esonero dal versamento dei diritti di bollo e di segreteriadovuti agli adempimenti per l’iscrizione al Registro delle Imprese, nonché del pagamento del diritto annuale dovuto in favore delle Camere di commercio.
L'esenzione e' dipendente dal mantenimento dei requisiti previsti dalla legge per l'acquisizione della qualifica di start-up innovativa e di incubatore certificato e dura comunque non oltre il quarto anno di iscrizione.
8. Incubatori di start-up innovative – Al via indagine conoscitiva Il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato una indagine preliminare, partendo da una ricognizione delle esperienze presenti sul territorio nazionale, per determinare quali e quanti incubatori di start up innovative siano presenti in Italia. L’indagine è finalizzata a pervenire in tempi celeri alla definizione dei requisiti, di cui all’art. 25, commi 5 e 7, del D.L. n. 179/2012 convertito nella L. n. 221 del 17 dicembre 2012, oggetto del Decreto attuativo di cui al comma 6 della suddetta Legge, da emanarsi entro il 18 febbraio 2013.
L’indagine è aperta non soltanto alle società di capitali previste dall’art. 25, comma 5, della suddetta Legge, ma a tutti i soggetti giuridici che svolgono attività di incubazione di start-up innovative al fine di valorizzare tutte le esperienze significative presenti sul territorio.
Il Ministero raccomanda la più ampia partecipazione possibile al fine di ottenere una adeguata rappresentatività del campione analizzato, che includa anche le realtà meno note. Nel caso in cui il soggetto giuridico si occupi statutariamente e in modo prevalente di sostegno a start-up innovative, i dati richiesti si riferiscono all’intera struttura aziendale.
Qualora, invece, il soggetto giuridico all’attività di incubatore affianchi altre attività, i dati devono riferirsi esclusivamente all’unità organizzativa che si occupa di incubazione di start-up innovative. Il termine per fare pervenire il questionario debitamente compilato è 15 gennaio 2013.
Fonte: http://www.tuttocamere.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS