Mercoledì 28 aprile 2010

L’etica professionale vincola il commercialista ad un comportamento corretto e lo inchioda alle sue responsabilita'

a cura di: eDotto S.r.l.
La terza Sezione civile della Corte di cassazione, con la sentenza n. 9916 depositata il 26 aprile 2010, ha condannato al risarcimento del 50% delle sanzioni comminate dal Fisco al contribuente, il commercialista che aveva esposto nella dichiarazione dei redditi del cliente costi non documentati o non inerenti all’anno di imposta. E' “preciso obbligo di diligenza del professionista non appostare costi privi di documentazione o non inerenti all'anno della dichiarazione”.   Di piu', al fine di escludere la responsabilita' del commercialista:   - non rileva la circostanza dell’esistenza di un simile accordo con il cliente, infatti e' contrario alla legge e all’etica professionale qualsiasi accordo con il cliente per l'esposizione di costi non dimostrati;   - a nulla rileva neppure la circostanza che il cliente tenesse in modo disordinato la sua contabilita', poiche' il professionista deve escludere i costi se il cliente non ha provveduto a fornire la relativa documentazione.   In merito, il presidente del Cndcec, Claudio Siciliotti, ha osservato che “i commercialisti non si sottraggono alle proprie responsabilita', ma non possono accettare di essere considerati responsabili verso i clienti, anche a prescindere da accordi privatistici presi con loro” e ricorda che la stessa Cassazione non riconosce alla consulenza tributaria lo status giuridico di professionisti posti a presidio di un pubblico interesse: “la giurisprudenza della Cassazione ha in passato negato questo ruolo dei commercialisti in ambito tributario, affermando che la consulenza e l'assistenza tributaria e' liberamente esercitabile da qualsiasi soggetto. Come e' possibile ora porre proprio lo status giuridico del commercialista alla base di un principio di responsabilita' nei confronti del cliente che dovrebbe prescindere persino da possibili accordi privatistici tra consulente e cliente? Se per l'assistenza tributaria e' possibile andare anche da soggetti privi di quegli obblighi deontologici che la sentenza pone alla base della responsabilita' del commercialista, significa che quegli obblighi deontologici non sono considerati dal giudice un valore prezioso e imprescindibile”.   Sempre sulla responsabilita' del professionista per negligente svolgimento dell’attivita' professionale verso il proprio cliente, si e' espressa la Cassazione, con la sentenza n. 9917/2010, che ha stabilito che la responsabilita' del commercialista presuppone la prova del danno e del nesso causale tra la condotta del professionista e il danno subito dal cliente. Non basta la domiciliazione della contabilita' presso il professionista: la prova dell’esistenza di un rapporto professionale abbisogna di piu' ampi elementi probanti.   Inoltre, la mancata impugnazione dell’accertamento fiscale, ai fini dell’attribuzione della responsabilita' per colpa professionale, implica una valutazione prognostica positiva circa il probabile esito favorevole dell’azione giudiziale che avrebbe dovuto essere proposta e diligentemente seguita.
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e tributi, p. 33 – Commercialisti piu` responsabili – Criscione
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web