Venerdì 9 luglio 2010

L'emissione di fatture inesistenti e' punita a prescindere dall'effettiva evasione

a cura di: eDotto S.r.l.
La Corte di cassazione, con sentenza n. 26138 depositata l'8 luglio 2010, ha confermato la decisione con cui i giudici dei gradi precedenti avevano condannato l'amministratore di una S.r.l. per avere emesso fatture per operazioni inesistenti in favore di altra societa' sempre da lui amministrata. L'imputato aveva adito i giudici di legittimita' sostenendo che non poteva essere ritenuto responsabile penalmente per il reato addebitatogli in quanto non si era concretizzata alcuna attivita' fraudolenta e l'operazione relativa alla fatturazione era stata successivamente effettuata. 
Di diverso avviso i giudici di Cassazione secondo cui l'evasione dell'imposta non rappresenta un elemento costitutivo della fattispecie incriminatrice del delitto di emissione di fatture per operazioni inesistenti “ma configura un elemento del dolo specifico normativamente richiesto per la punibilita' dell'agente”. In definitiva – si legge nel testo della sentenza - per integrare il reato “e' sufficiente che l'emittente di fatture si proponga il fine di consentire a terzi la evasione delle imposte sul reddito o sul valore aggiunto, ma non anche che il terzo consegua effettivamente l'evasione". 
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 26138 DELL'8 LUGLIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali