Domenica 11 ottobre 2009

L’Agenzia spiega lo scudo

a cura di: eDotto S.r.l.
Arrivano, con la circolare 43 del 10 ottobre 2009, le istruzioni operative dell’agenzia delle Entrate sull’emersione di attivita' detenute all’estero. La copiosa circolare dei chiarimenti abbraccia termini, obblighi dei soggetti coinvolti, liste bianche, esclusi e aventi diritto e quant’altro riguardi lo scudo fiscale. Di seguito alcune tra le precisazioni piu' attese.


Liechtenstein, Svizzera, Montecarlo e San Marino sono fuori dalla white list. Pertanto, non sara' possibile regolarizzare (mantenendole all’estero) le attivita' detenute illecitamente in tali Paesi. Il rimpatrio e' l’unica possibilita' che rimane. La lista bianca elenca 36 Paesi che consentono un effettivo scambio di informazioni in via amministrativa. Tra questi sono inclusi la Norvegia e l’Islanda. L’elenco completo e' fornito in allegato al documento.

Nessuna inversione dell’onere della prova, introdotta dall’articolo 12 del Dl 78/2009, per chi aderisce allo scudo.

Il termine della sanatoria rimane fissato al 15 dicembre 2009: per smobilizzazioni complesse e' previsto un periodo breve di sforamento, purche' sia pagata entro il 15 dicembre la sanzione del 5%.

Se l’emersione viene effettuata dal dominus di una societa' di capitali la dichiarazione riservata non puo' essere utilizzata per l'avvio di un accertamento o nell'ambito di un'attivita' di controllo fiscale nei confronti dell'impresa. Dunque, l’ombrello dello scudo protegge anche i soggetti che possono essere ricondotti al dominus.

Quanto alle attivita' detenute all'estero attraverso il trust, l’Agenzia distingue tra trust fittiziamente interposti e trust reali. E' fittiziamente interposto il trust irrevocabile, nel quale il trustee e' di fatto privato dei poteri dispositivi sui beni attribuiti al trust che risultano invece esercitati dai beneficiari. In tal caso puo' scudare solo il soggetto (disponente o beneficiario) che e' l’effettivo possessore dei beni.

Resta confermato che gli intermediari:

- hanno l'obbligo di segnalare le operazioni sospette nei casi in cui gli stessi sanno, sospettano o hanno motivi ragionevoli per sospettare che l’attivita' che si intende scudare e' frutto di reati diversi da quelli per i quali l'adesione alla sanatoria determina la causa di non punibilita';

- non hanno l’obbligo di comunicare all’Anagrafe tributaria dati e notizie su conti di deposito su cui approdano denaro e attivita' finanziarie rimpatriate.
Fonte: http://www.agenziaentrate.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report