Speciale bilancio - strumenti che semplificano e organizzano il lavoro - Clicca per maggiori informnazioni!
Mercoledì 24 febbraio 2010

Intra. Scadenza prossima e dubbi ancora insoluti

a cura di: eDotto S.r.l.
Gli ostacoli compilativi per l’obbligato agli elenchi Intrastat con scadenza domani, 25 febbraio 2010, restano insoluti per gli operatori, specie con riguardo alle ultime colonne. Si accennava nella scorsa rassegna che una possibile difficolta' interessa i codici utili agli Intrastat servizi, dunque il campo “codice servizio”. Tali codici sono da individuare in base alla classificazione CPA 2008 che, pero', contiene numerose sottocategorie che possono confondere sull’esatta classificazione di un certo servizio. Ancora: nella sezione “modalita' di erogazione”, va specificato se la prestazione di servizi si esaurisce in un’unica soluzione o ha carattere ripetitivo nel tempo; nella “modalita' di incasso” occorre indicare se il corrispettivo e' stato incassato con bonifico, accredito in conto corrente o altro, ma non e' chiaro cosa intenda il Legislatore con l’espressione “accredito”, che non individua alcuna specifica modalita' tecnica di pagamento; infine, nel campo “Paese di pagamento” va riportato il codice ISO del Paese ove “viene effettuato il pagamento del servizio”, dovendo ritenere, senza tuttavia avere supporto di norma, che col concetto di luogo di effettuazione si debba intendere il Paese da cui e' movimentato il danaro, poiche' se fosse altrimenti (il danaro si muove da altri Paesi europei o extra Ue) occorrerebbe che l’operatore accertasse da dove parte. Tra le perplessita' legate alle nuove regole di presentazione dei modelli, una segue dal decreto dell’Economia 22 febbraio, nel quale nulla e' previsto rispetto al periodo transitorio. Percio', per gli Intra sui servizi registrati a gennaio 2010, il termine scadra' domani. L’operatore potrebbe compilare almeno il frontespizio, cosi' che possa trasmettere per tempo l’elenco e integrarlo entro il 20 luglio. Un artificio, che tuttavia non sposta dalla domanda che ci si pone sulla mancanza della previsione di un periodo transitorio, se cioe' sia conforme alle disposizioni dello Statuto dei diritti del contribuente, per il quale le regole tributarie non possono prevedere adempimenti che precedano i sessanta giorni dalla data della loro efficacia. Altro delicato passaggio interpretativo viene dalla soglia limite dei 50mila euro prevista per la periodicita' degli elenchi. L’articolo 263 della direttiva 2008/117/Ce attribuisce agli Stati membri la facolta' d’innalzare la soglia di presentazione trimestrale a 100mila euro fino al 2011. Ebbene, il decreto 22 febbraio scompone tra operazioni attive e passive (le une cessioni, le seconde acquisti), fissando per l’appunto l’altro limite dei 50mila per ciascuna categoria. Conseguentemente, per ogni aggregazione di operazioni si puo' raggiungere i 100mila, ma scatta l’obbligo dell’elenco mensile se alternativamente le cessioni di beni o le prestazioni di servizi superano i 50mila. Meglio: perche' scatti l’adempimento mensile, sara' sufficiente che venga superato il limite per anche solo uno dei quattro trimestri del 2009 entro cui si sono effettuate cessioni (od acquisti) intracomunitarie.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report