Giovedì 25 febbraio 2010

Intercettazioni telefoniche valide per il giudice tributario

a cura di: eDotto S.r.l.
Con sentenza n. 4306 del 23 febbraio 2010 la Suprema Corte di cassazione ha fissato alcuni principi in tema di utilizzo da parte dei giudici tributari dei risultati delle intercettazioni telefoniche provenienti da procedimenti penali. Secondo la Corte, nell’ambito dell’esame di una controversia relativa a frodi carosello, anche di fronte ad una contabilita' formalmente corretta e a conti bancari in ordine il giudice tributario puo' procedere in via induttiva se gli elementi che provengono dalla verifica della Guardia di finanza, correttamente raccolti, indicano l’esistenza di una organizzazione fraudolenta. Non e' possibile estendere l’efficacia dei limiti posti dalle norme penali circa le intercettazioni telefoniche al campo tributario; infatti tali regole valgono solo in sede penale perche' la norma tributaria, invece, permette di acquisire dati ottenuti legittimamente dalle forze di polizia che quindi il giudice deve valutarli a titolo di prova. In ultimo la Corte ha sostenuto che i verbali della guardia di finanza recanti intercettazioni telefoniche disposte in sede penale, se allegati all’atto di accertamento Iva, costituiscono parte del materiale probatorio che il giudice tributario deve valutare ai fini della controversia.
Fonte: CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N. 4306 DEL 23 FEBBRAIO 2010
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS