Lunedì 17 febbraio 2003

IL TRUST - LA SEPARAZIONE METTE AL RIPARO DAI CREDITORI

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
L'unico tipo di trust ammesso nel nostro ordinamento è quello di tipo "volontario", riconosciuto in quanto la «Convenzione sulla legge applicabile ai trust e sul loro riconoscimento, adottata all'Aja il 1° luglio 1985» è stata ratificata dall'Italia con la legge 9 ottobre 1989 n. 364 ed è entrata in vigore il 1° gennaio 1992. Il trust volontario deve rispettare questi requisiti: - a un dato soggetto, denominato trustee, sono attribuiti determinati beni con la conseguenza che sugli stessi egli possa esplicare - seppur con determinati limiti - diritti e poteri di un vero e proprio proprietario; - questo patrimonio è trasmesso da un altro soggetto, denominato disponente (o settlor), per uno scopo prestabilito, purché lecito e non contrario all'ordine pubblico. L'effetto più importante prodotto dall'istituzione di un trust è rappresentato dalla "segregazione patrimoniale" per la quale i beni posti in trust costituiscono un patrimonio separato rispetto agli altri beni che compongono il patrimonio del disponente e del trustee: da ciò consegue, pertanto, che qualunque vicenda personale e patrimoniale che colpisca queste figure non coinvolge mai i beni del trust.
Fonte: Il Sole 24Ore
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali