Giovedì 27 ottobre 2011

Il redditometro retroattivo non fa sanare il gap

a cura di: eDotto S.r.l.
Come spiegato dal direttore delle Entrate, Befera, il nuovo redditometro sarà strumento di compliance. I contribuenti che, con l’applicativo che verrà messo a diposizione per le verifiche, si accorgeranno di non essere in linea con le spese, potranno adeguare i redditi dichiarati. Ma ciò non potrà avvenire, stando ai tempi previsti (febbraio 2012) per la disponibilità della versione definitiva del nuovo software di calcolo, per chi si accorgerà del gap tra spese e redditi del 2009 e del 2010, a meno di fruire dell’ipotetico condono proposto per i prossimi decreti. Tra chi avrà difficoltà ad operare l’adeguamento si devono annoverare i dipendenti, che dovrebbero inventarsi redditi di altra natura o aumentare i redditi da lavoro dipendente rispetto a quelli già registrati dal sostituto.

Intanto, in un convegno a Crema il direttore Befera ha ricordato che il redditometro è diventato uno strumento per selezionare situazioni di rischio, non sarà usato in via automatica. Esso si colloca in una procedura che prevede due passaggi di contraddittorio per il contribuente. Inoltre, se lo strumento verrà applicato unilateralmente, vi saranno sanzioni a carico dei funzionari responsabili.
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Analisi di Bilancio Online - richiedi subito il tuo report