Lunedì 25 agosto 2008

IL FORNITORE PAGA PER IL CLIENTE

a cura di: eDotto S.r.l.
Ove consapevole della falsità ideologica della dichiarazione d’intento (che, cioè, il suo cliente non possiede i requisiti per essere considerato esportatore abituale), il fornitore deve, per il cliente, l’Iva e le relative sanzioni. Così la pronuncia di Cassazione n. 16819/08, che punisce la connivenza del fornitore con il cessionario responsabile dell’organizzazione di una “frode carosello”. Con una motivazione che lascia perplessi, tanto per l’individuazione dei requisiti essenziali delle cessioni ad esportatori abituali quanto per aver considerato la consegna della merce in territorio italiano una prova idonea a dimostrare la consapevolezza del fornitore in ordine alla falsità della dichiarazione d’intento, la Corte ha affermato che per potersi applicare il regime di non imponibilità Iva proprio delle vendite a esportatore abituale di cui all’articolo 8, lettera c, del Dpr n. 633/72, non sarebbe suffficiente la dichiarazione d’intento dell’acquirente, ma necessario “soprattutto, che l’operazione sia, oggettivamente, destinata all’esportazione”. La mancata esportazione della merce, in concreto, dimostrerebbe l’anomalia delle operazioni e la consapevolezza del cedente circa la falsità delle dichiarazioni d’intento.
Fonte: Il Sole – 24 Ore – Norme e tributi, p. 30 – Il fornitore paga per il cliente – Armella
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS