CAF 730 - diventa un centro di raccolta - Clicca per maggiori informnazioni!
Lunedì 10 dicembre 2001

I CONSIGLI PER USCIRE DALLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE

a cura di: Studio Cozzi Dottori Commercialisti Associati
Il Sole 24 Ore del 19/11/2001 ha pubblicato un articolo dal titolo “Dalla crisi si può uscire senza i tagli”. L’autore, Luca Vitale, ha evidenziato i motivi della crisi economica che di seguito riassumiamo. Prima degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 le analisi sullo stato dell’economia americana denunciavano un calo degli investimenti industriali, in particolare nel settore dell'elettronica e del software, mentre le esportazioni subivano una contrazione del 12,2%. A luglio si denunciava una crescita lenta se non addirittura un inizio di recessione. Con gli attacchi terroristici la crisi si è spostata a livello internazionale con ripercussioni a livello sia politico che economico-finanziario. Dal punto di vista societario, le implicazioni degli attentati variano dal diretto impatto sugli utili delle società (come nel caso di linee aeree e assicurazioni) agli effetti indiretti provocati da un calo della fiducia e conseguente diminuzione della domanda di beni e servizi. A livello macro-economico il rischio maggiore risulta essere un forte calo dei consumi che porterebbe ad una situazione di sovra-produzione o sovra-capacità per numerosi settori. Inoltre, le economie più deboli e più esposte ad un possibile “contagio” (paesi emergenti e paesi esportatori) potrebbero peggiorare la propria posizione proprio a causa della bassa crescita economica in USA ed Europa. Di fronte a questa situazione, molte imprese hanno bloccato i piani di investimento, i progetti di espansione all’estero, la costruzione di nuove linee produttive ecc.. Gli imprenditori, in genere, per superare la crisi tagliano il costo del personale soprattutto dove questa voce è notevolmente consistente nella struttura aziendale. Secondo alcuni esperti si tratta di una fase negativa di natura ciclica e non strutturale, per cui gli imprenditori che decidono di tagliare il personale mostrano di avere un’ottica di breve periodo. La fretta di ridurre il personale, spesso, può far correre il rischio di “tagliare alla cieca” e di privarsi di importanti risorse per il rilancio. La crisi avrà una fine, quindi, è necessario attrezzarsi in modo da essere pronti per il rilancio. Le strategie da adottare in periodi di recessione sono quelle di analisi analitica della gestione aziendale, in modo da capire quali sono le inefficienze del sistema e dei processi. In modo particolare, vanno tenuti sotto controllo i costi di gestione e, quindi, attuare un’analisi degli stessi, attraverso tecniche amministrative-contabili tese a fornire elementi di valutazione e di conoscenze, a tempo debito, alla direzione aziendale. Solo in questo modo si possono ottimizzare i costi in modo da coniugare una riduzione degli stessi, trasformandoli da fissi a variabili, con il controllo della qualità e dei rischi che conseguono dalla terziarizzazione e dal dipendere da fornitori esterni. Inoltre, la crisi deve servire per razionalizzare la struttura riconcentrandosi sull’attività core business eliminando e disinvestendo ciò che è stato sviluppato di non core. Il taglio del personale può esserci ma, solo dopo aver attuato gli interventi di riqualificazione, formazione e ridefinizione dei ruoli ed aver evidenziato quali sono le competenze che servono all’impresa. Da questo check-up ci si può rendere conto che mancano alcune figure e che quindi bisogna assumere. Al termine di questo momento difficile, le imprese che potranno avere successo sono quelle che hanno potenziato la struttura finanziaria e quella economica.
Fonte: Il Sole24ore
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali