Martedì 12 aprile 2011

Frodi carosello: al contribuente in buona fede si' alla detrazione Iva

a cura di: eDotto S.r.l.
La Cassazione, con sentenza n. 8132 depositata l’11 aprile 2011, è chiamata ad intervenire nell’ambito delle frodi carosello. Nella sentenza si chiarisce che il contribuente che ha ricevuto le fatture soggettivamente false ha diritto alla detrazione Iva solo nel caso fornisca prova della sua buona fede e dell’estraneità a eventuali frodi operate da terzi.

La sentenza offre il quadro dei ruoli:

- dell’Amministrazione, che contesta la frode a tutta la catena delle società che hanno acquistato i beni e l’indebita detrazione e deduzione dell’Iva, tenuta a sollevare gli elementi che ritiene coinvolgere il contribuente;

- del contribuente acquirente, tenuto a fornire prova della buona fede (ad esempio la prova dell’impossibilità di risalire alla provenienza fittizia delle fatture o la dimostrazione di non aver tratto alcun beneficio dall’operazione), ossia dell’ignoranza incolpevole della frode;

- del giudice di merito, tenuto a delineare con precisione la situazione statica e dinamica del caso, con elementi addotti dalle parti e le ragioni che permettono di avallare colpevolezza o innocenza del cessionario.
Fonte: http://rassegnastampa.mef.gov.it
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Rottamazione cartelle esattoriali