Lunedì 31 marzo 2008

EXPORT MERCI AL RIPARO DALLE FRODI

a cura di: eDotto S.r.l.
La dimostrazione dell’uscita delle merci dal territorio dello Stato per i fornitori che operano con l’estero è la causa più diffusa di contenzioso tra contribuente e Amministrazione finanziaria. Sulla base delle pronunce della Corte di Giustizia europea, tra le quali spicca la sentenza della causa C-271/06 del 21 febbraio 2008, si offre una disamina delle regole per l’export che metta al riparo dalle frodi e dal contenzioso sulla non imponibilità Iva. La Corte di Giustizia, pur affidando agli Stati membri il compito di stabilire le regole per l’applicazione dell’esenzione, sottolinea la necessità di salvaguardare i principi generali dell’ordinamento comunitario tra i quali quelli della certezza del diritto, di proporzionalità e di tutela del legittimo affidamento. Dunque, sono giustificati gli obblighi rigorosi che ricadono sui fornitori, ma in presenza di una frode attuata da terzi e della buona fede del fornitore (che dimostra di aver utilizzato tutta la diligenza di un commerciante avveduto) non può essere negato, per quest’ultimo, il diritto all’esenzione Iva sulle cessioni.
Fonte: Il Sole – 24 Ore, p. 36 – Export merci al riparo dalle frodi – Zavatta
Altri utenti hanno acquistato

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS

X Attiva subito il tuo sito web