Giovedì 2 aprile 2015

Dopo 18 mesi ancora fuori comune: addio alle agevolazioni prima casa

a cura di: AteneoWeb S.r.l.
Le lungaggini burocratiche per ottenere le autorizzazioni alla ristrutturazione edilizia non bastano a giustificare il mancato trasferimento di residenza da parte dell'acquirente.

Il contribuente perde i benefici prima casa se non trasferisce la residenza nel Comune di ubicazione dell'immobile entro il termine di diciotto mesi dall'acquisto. Le lungaggini burocratiche per il rilascio delle autorizzazioni edilizie necessarie alle opere di ristrutturazione dell'immobile non sono configurabili come causa di forza maggiore, ostativa all'adempimento dell'obbligo legale di trasferimento della residenza.
E' quanto ribadito dalla Corte di cassazione, con l'ordinanza n. 4800/2015.

La vicenda processuale
La vicenda trae origine dall'impugnazione di un avviso di liquidazione con il quale l'Agenzia delle Entrate aveva recuperato le ordinarie imposte di registro, ipotecarie e catastali a seguito della decadenza dalle agevolazioni spettanti in relazione all'acquisto della prima casa, poiche' il contribuente non aveva trasferito la propria residenza nel comune di ubicazione dell'immobile entro i previsti diciotto mesi.


Fonte: http://www.nuovofiscooggi.it
DOCUMENTI IN EVIDENZA:

Altre notizie

tutte le notizie

AteneoWeb s.r.l.

AteneoWeb.com - AteneoWeb.info

Via Gregorio X, 46 - 29121 Piacenza - Italy
staff@ateneoweb.com

C.f. e p.iva 01316560331
Iscritta al Registro Imprese di Piacenza al n. 01316560331
Capitale sociale 20.000,00 € i.v.
Periodico telematico Reg. Tribunale di Piacenza n. 587 del 20/02/2003
Direttore responsabile: Riccardo Albanesi

Progetto, sviluppo software, grafica: AI Consulting S.r.l.
SEGUICI

Social network

Canali informativi

Canali RSS